Maternità surrogata: compra bimba e la rifiuta perché mulatta

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Maternità surrogata: compra bimba e la rifiuta perché mulatta

28 Aprile 2017

Il prezzo pattuito era di 20mila euro. Così una donna italiana, residente a Latina, nella zona di Borgo Podgora, voleva acquistare una neonata portata in grembo da una romena. Per tutta la durata della gravidanza della madre naturale della bimba, la donna aveva indossato una pancia finta acquistata online e aveva simulato una gravidanza con tutti i conoscenti. Ma dopo la consegna della neonata, inaspettatamente mulatta, la donna l’ha restituita. 

Una storia agghiacciante scoperta dalla Squadra mobile di Latina, guidata da Antonio Galante, che è riuscita il 15 marzo, con pochissimi elementi a disposizione, a rintracciare la neonata. Tre persone sono finite in manette: l’aspirante madre Francesca Zorzo, di 35 anni, Nicoleta Tanase, romena di 25 anni, e un marocchino residente a Latina, Joussef Berrazzuk, 48 anni, l’intermediario tra le due donne. 

Le indagini erano cominciate a metà marzo, dopo una segnalazione inviata in Procura da un funzionario dello stato civile del Comune di Latina, dopo la richiesta di una donna che voleva sapere come poter registrare all’anagrafe una neonata nata in casa.