Matteo Orfini diventa presidente del Pd dopo Cuperlo

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Matteo Orfini diventa presidente del Pd dopo Cuperlo

16 Giugno 2014

Nella Assemblea del Pd che sancisce la vittoria di Renzi alle elezioni con un 40 per cento a caratteri cubitali stampato alle spalle del premier segretario, Matteo Orfini viene eletto presidente del partito democratico. E’ uno dei "giovani turchi", la corrente che, dopo l’era Bersani, si è avvicinata a Matteo Renzi, perlomeno per Orfini è stato così. Orfini succede a Gianni Cuperlo, ma la sua nomina non è indolore. Protesta Pippo Civati, maldipancia di "Area riformista", ma l’altro Matteo viene eletto a larga maggioranza.  "Indico Matteo Orfini a svolgere il compito di guidare il partito, un partito in cui ci si rispetta", dice Renzi parlando all’Ergife. E Orfini: "Credo che alla fine l’importante sia la decisione di Renzi di proporre uno che in questi anni gliene ha dette di tutti i colori, con scontri anche duri. Quando sarà il caso continuerò a dirgliele". Compito del Pd, secondo il nuovo presidente, "portare l’Italia fuori dalla crisi e perciò prova a costruire l’unità. Non dobbiamo dividerci, ma senza omologarci".