Migranti, anche Londra pensa al muro. Sorgerà a Calais

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Migranti, anche Londra pensa al muro. Sorgerà a Calais

08 Settembre 2016

Continuano a fiorire i muri anti-immigrazione. Non solo Trump, ora ci pensa anche la Gran Bretagna. L’intenzione è quella di costruire una barriera nel porto francese di Calais per impedire ai migranti di salire sui camion diretti a Dover. La barriera, alta quattro metri e lunga un chilometro, verrà costruita su una delle strade di accesso al porto e dovrebbe essere completata entro al fine dell’anno.

The Telegraph riferisce che il governo ha annunciato l’intenzione di stanziare due milioni di sterline per la costruzione di “un nuovo, grande, muro di quattro metri di altezza e un chilometro di lunghezza” e che i lavori dovrebbero iniziare entro la fine del mese.

Secondo i dati raccolti dal quotidiano conservatore londinese, le forze di polizia britanniche presenti sul suolo francese (il confine è infatti fissato sulla sponda continentale del canale, ndr) hanno fermato 84088 migranti pronti a forzare la frontiera.

E’ da tempo ormai che la situazione a Calais non è più gestibile. La “Grande Giungla” è tornata più florida e popolata che mai, mentre i residenti e gli autotrasportatori sono sempre più esasperati. 

L’investimento richiesto per erigere il muro divisorio ammonterebbe circa a 2,7 milioni di euro. L’importo verrà finanziato dal governo di Londra in base a un accordo con Parigi siglato a marzo 2016. Nel corso dello stesso mese, in occasione di un vertice franco-britannico, la Gran Bretagna aveva accordato alla Francia un aumento degli aiuti di 20 milioni di euro per gestire la crisi dei migranti nella “giungla” di Calais