Migranti, Tusk: “Chiudere la rotta del mediterraneo centrale”. Intanto la Commissione bacchetta l’Austria sui ricollocamenti

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Migranti, Tusk: “Chiudere la rotta del mediterraneo centrale”. Intanto la Commissione bacchetta l’Austria sui ricollocamenti

03 Aprile 2017

“Con una riduzione del 98% la rotta migratoria dei Balcani occidentali è stata virtualmente chiusa. dobbiamo raggiungere lo stesso risultato sulla rotta del Mediterraneo centrale“. Parola del presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk che è tornato a parlare di migranti, uno dei temi caldi dell’agenda europea dopo la Dichiarazione di Roma, a margine dell’incontro con il premier sloveno Miro Cerar, a Lubiana.

Inutile dire che un tema spinoso in materia è la questione dei controlli interni temporanei nell’area Schengen. Il 25 gennaio, infatti,  la Commissione europea aveva raccomandato al Consiglio europeo di autorizzare Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia a mantenere i controlli temporanei in vigore presso determinate frontiere interne Schengen per altri tre mesi. La Slovenia, invece, si è mostrata più volte contraria alla decisione della Commissione. Di qui l’importanza della visita di Tusk che non ha mancato di tendere una mano al premier sloveno dichiarando che, visti i risultati positivi nella rotta balcanica, “comprendo la riluttanza slovena di fronte alla decisione di mantenere, seppur temporaneamente, i controlli interni alle frontiere Schengen. Tuttavia – ha aggiunto Tusk – stiamo esplorando tutti i modi per tornare alla normalità, al più presto”.

Intanto, sul tema dei ricollocamenti dei migranti da Italia e Grecia, tiene ancora banco il rifiuto dell’Austria che, con una lettera alla Commissione, ha chiesto ufficialmente di essere esclusa dallo schema della “relocation”. Secca la risposta della Commissione: “È arrivato il momento che gli Stati attuino gli impegni presi. Hanno il dovere politico, legale e morale di farlo. La Commissione Ue è pronta a discutere con l’Austria di come può assisterli nel fare progressi per rispettare i propri obblighi legali, considerando l’importante solidarietà dimostrata dall’Austria in passato” ha dichiarato il portavoce della Commissione Ue per la Migrazione Natasha Bertaud a chi chiede quale risposta Bruxelles intenda dare alla lettera di Vienna.

In attesa di capire come Tusk e l’establishment europeo intendano chiudere la rotta del Mediterraneo centrale, i timori sloveni e il rifiuto austriaco dimostrano che sul tema tutto ci sia tranne che “unione”.