Monaco, Merkel: “Chiunque di noi poteva essere lì perciò posso capire chi si sente insicuro”

Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Monaco, Merkel: “Chiunque di noi poteva essere lì perciò posso capire chi si sente insicuro”

24 Luglio 2016

“Lo Stato farà di tutto per garantire sicurezza e libertà a tutte le persone in Germania“: è quello che la cancelliera tedesca ha detto con l’intento di rasserenare la sua gente nella riunione di governo sulla strage avvenuta ieri a Monaco. E poi: “Chiunque di noi poteva essere lì perciò posso capire chi si sente insicuro” a seguito dell’attacco di Monaco.

Merkel ha detto che per questo ci si pone la domanda: “Posso ancora essere sicuro? Cosa può darmi sicurezza?”. La cancelliera ha dunque a questo proposito ringraziato la polizia federale e quella bavarese, che hanno lavorato “in modo altamente professionale” e in costante collaborazione.

Per poi aggiungere: “Una sera e una notte così è difficile da sopportare per chiunque di noi, tanto più quando questo è avvenuto a pochi giorni da un altro attacco, quello di Nizza, dove con il disprezzo per le persone qualcuno ha ucciso 84 persone con camion”. 

E nel tentativo di lanciare un segnale di fermezza per quanto accaduto e che per tanti ha voluto dire nient’altro che la conseguenza banale, e solo l’inizio, delle politiche immigrazioniste: “I pensieri vanno ancora alle persone rimaste ferite allora. Lo Stato farà di tutto per assicurare la sicurezza e la libertà di tutte le persone in Germania”.