Monti si dimette da Scelta Civica perché sfiduciato da 11 senatori

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Monti si dimette da Scelta Civica perché sfiduciato da 11 senatori

17 Ottobre 2013

Mario Monti si è dimesso da Scelta Civica, il partito che egli stesso ha fondato e che ora rischia di spaccarsi. Il motivo riguarderebbe i dissidi interni al partito circa la legge di stabilità soprattutto nei confronti dell’ala dei popolari capitanata da Mario Mauro. “In questi giorni – ha dichiarato Monti – il senatore Mauro, con dichiarazioni ed iniziative, è venuto preconizzando, da un lato, una linea di appoggio incondizionato al Governo, naturale in chi fa parte, ma che non è la linea di Sc. Dall’altro, il superamento di Sc in un soggetto politico aperto anche a forze caratterizzate da valori e prassi di governo inconciliabili”. Ma oltre alla legge di stabilità c’è un altro nodo interno al partito: l’antimafia, dove c’era un accordo di maggioranza per eleggere presidente il capogruppo alla Camera di Sc, il cattolico Lorenzo Dellai, fino a quando l’imprenditore catanese Andrea Vecchio ha sconfessato pubblicamente e molto duramente la candidatura di Dellai rilanciando la propria. Comunque alla fine 11 senatori di sono schierati con Mauro puntando l’indice contro i “troppi distinguo opportunistici”. A questi si è aggiunto poi Mauro. Quindi alla fine Monti si è dimesso. La presidenza verrà assicurata dal vicepresidente vicario Alberto Bombassei, fino all’attivazione delle procedure previste dallo Statuto per la nomina del nuovo presidente.