Napoli. Uccide compagna a colpi d’accetta, arrestato 43enne

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Napoli. Uccide compagna a colpi d’accetta, arrestato 43enne

23 Luglio 2009

A Napoli una donna è stata uccisa, molto probabilmente a colpi di accetta, dal suo compagno. E’ accaduto in un’abitazione di via Camillo Guerra, nel quartiere Camaldoli. L’uomo, Renato Valboa, 43 anni, ha riportato ferite da arma da taglio ai polsi: è in corso di verifica se abbia tentato il suicidio o se si sia ferito durante la colluttazione.

A dare l’allarme e’ stata la figlia 18enne dell’uomo. Alla polizia ha raccontato di essere preoccupata per le sorti della compagna del padre dopo aver sentito, la scorsa notte, urla e discussioni nel loro appartamento e dopo aver visto l’uomo molto agitato. Scattati immediatamente i controlli della Squadra mobile di Napoli, all’arrivo nell’appartamento la macabra scena. La donna, 35 anni, era riversa nel salotto in una pozza di sangue.

L’omicida, secondo la ricostruzione degli inquirenti, è un uomo violento, tanto che la vittima, in passato anche picchiata e violentata, aveva sporto contro di lui denuncia per lesioni gravissime nel novembre 2008.

Valboa, che in passato subì anche un ricovero psichiatrico, aveva nel 2002 tentato di uccidere l’ex moglie con la stessa modalità con la quale oggi ha ucciso la sua compagna, con un coltello: la colpì con così tanta violenza che la lama del coltello si spezzò nell’addome della donna che per fortuna riuscì a salvarsi.

L’omicidio di oggi, secondo una prima ricostruzione della polizia, è avvenuto durante una violenta lite tra i due. Gli agenti della squadra mobile di Napoli hanno trovato l’assassino nel salotto di casa, accanto al corpo della vittima: guardava la donna raggomitolato su sé stesso. Ora si trova all’ospedale Cardarelli per curare le ferite riportate ai polsi.