Napolitano chiede rigore alle Camere ma soprattutto riforme

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Napolitano chiede rigore alle Camere ma soprattutto riforme

27 Dicembre 2013

"Rinnovo l’invito ad attenersi all’ammissibilità degli emendamenti di stretta attinenza e le relative finalità anche adottando opportune modifiche ai regolamenti parlamentari", a dirlo è il Presidente Giorgio Napolitano in un messaggio rivolto oggi alle Camere, "Il limite nella reiterazione di norme già contenute nel dl Salva Roma nel dl Milleproroghe è individuato nell’insorgere di nuovi motivi di necessità ed urgenza". Nuovo intervento del Capo dello Stato dopo lo stop al "Salva-Roma" imposto alla Vigilia di Natale. Ancora una volta, Napolitano chiede "rigore" sugli emendamenti proposti ai decreti legge chiedendo una riforma dei regolamenti parlamentari. A questo punto in molti aspettano il discorso di fine d’anno del Presidente della Repubblica, cartina a tornasole della posizione presa dal Quirinale dopo l’uscita dalla maggioranza di Forza Italia e la fine delle "larghe intese".