Nei telefoni delle baby squillo la memoria della riffa pariola

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nei telefoni delle baby squillo la memoria della riffa pariola

21 Marzo 2014

Le utenze delle "baby squillo" dei Parioli sono una miniera per gli investigatori che indagano sul traffico delle giovani sfruttate sessualmente nella capitale. Sarebbero mille i contatti telefonici che gli investigatori hanno raccolto, telefonate, sms, nomi, luoghi della riffa. 50 persone sono finite nel registro degli indagati, l’ipotesi è prostituzione minorile. La procura vuole capire soprattutto chi tirava le fila del giro di cellulari e foto permettendo ai clienti di incontrare Agnes ed Angela, le studentesse minorenni di 14 e 15 anni. Indagini concluse in attesa del rinvio a giudizio per otto persone: i sei presunti sfruttatori e due clienti.