Home News Nelle parole di Schifani c’è un monito al Cav., ad Alfano e ai “grillini” di destra

Oggi l'ufficio di presidenza del Pdl

Nelle parole di Schifani c’è un monito al Cav., ad Alfano e ai “grillini” di destra

3
5

Cominciamo dalla fine: oggi lo stato maggiore del partito riflette e decide. Almeno questo è l’auspicio dei più. L’inizio è la lettera al Foglio del presidente del Senato Schifani. O meglio, la conseguenza forse più netta e per questo dirompente, dell’inizio di una fase molto complicata per il Pdl che non deriva solo dalla caduta del governo Berlusconi o dalla debàcle elettorale di maggio. Viene da più lontano e oggi, pare di capire, è arrivata al punto di svolta: o si riparte o si muore.

Le parole, garbate ma ferme della seconda carica dello Stato che abbandona la veste istituzionale per irrompere nel dibattito di un partito in crisi (di consensi e di identità) quanto e come tutti gli altri partiti cosiddetti ‘tradizionali’ – perché la crisi riguarda il sistema politico nel suo complesso – dicono molte cose: sul passato, sul presente e sul futuro del Pdl.

Parole che Alfano definisce “serie, dolorose ma vere” al punto che “occorrerà agire ed anche per questo abbiamo convocato l’Ufficio di presidenza”. Agire, dunque, come ha inteso fare Schifani per non assistere dalle ovattate stanze del Palazzo alla disgregazione di un partito che è e resta l’architrave dell’area moderata e liberale; per dire cosa non va e quale direzione prendere. Direzione chiara, una volta per tutte. Perché il male del Pdl è che quella parte di elettori saliti sull’Aventino dell’astensionismo, non solo non comprende qual è la linea del partito ma – soprattutto – non ne percepisce “l’affidabilità e la coerenza”. E’ un monito al Cav. affinchè – come scrive il Foglio – non continui a giocare col caos, sia nei confronti del governo che dentro il partito (e qui il riferimento è alle liste civiche o al listone di cui si parla molto in questi giorni nonostante le smentite ufficiali); ad Alfano perché guidi il partito con la necessaria autonomia e ai “grillini” di destra convinti che mettersi in scia produca risultati.

“L’operazione verità” va fatta ora. Per Schifani significa dirsi le cose come stanno sugli errori del passato e dirsele altrettanto chiare su come si vuole stare nel presente e in che modo si intende costruire il futuro. Il punto vero è che “senza un’autocritica profonda sarà difficile per tutti – vecchie e nuove generazioni – restituire al Pdl autorevolezza, fierezza e combattività”.

A dirlo chiaro, per parte sua e senza infingimenti, ci pensa il presidente del Senato. Ravvisa le ragioni del declino del governo Berlusconi nelle divisioni interne alla coalizione (vedi Lega) che hanno impedito di fare le riforme chieste dai partner europei, ma anche nella dualità tra il Cav. e Tremonti sulla linea economica tenuta dall’esecutivo, specie nell’ultimo anno. Quanto a Fini, la seconda carica dello Stato non ci gira intorno considerando quella frattura un “punto di debolezza” della coalizione e deleteria la campagna mediatica di alcuni giornali d’area che ha finito per trasformare una divergenza politica in un divorzio definitivo.

Non è tenero nemmeno sul presente. E ciò che dice riflette il pensiero di molti parlamentari che più o meno apertamente ripetono il concetto nei capannelli in Transatlantico. La preoccupazione comune che le parole di Schifani sembrano raccogliere è su una linea a tratti ondivaga. Da questo punto di vista cita esempi palesi: che senso ha – si interroga – sostenere l’Imu in parlamento e il giorno dopo la parte più oltranzista degli esponenti pidiellini invita a scendere in piazza contro l’Imu; che senso ha  approvare in Aula provvedimenti anche duri del governo Monti e il giorno dopo la parte più populista del partito tifa per la rivolta fiscale; o ancora pensare che imitando Grillo da destra si siano risolti tutti i problemi. O, infine, sostenere come ha fatto Berlusconi l’esecutivo dei Prof. e poi magari dall’ala pasdaran si soffia sul fuoco del ‘stacchiamo la spina a Monti’.

Così gli elettori delusi non tornano, così il partito rischia la disgregazione. Così il paese non riparte.

Chiarezza. La stessa che la seconda carica dello Stato invoca per costruire il futuro. Con la sollecitazione – affatto velata – a tirare una riga pure con Casini perché il Pdl non può stare come “nel deserto dei Tartari” ad aspettare chi ripete di non voler venire. Ma è soprattutto al partito che Schifani parla quando offre alla riflessione la necessità e l’urgenza di una scelta politica. Tradotto in soldoni: o la strada di un grillismo di imitazione, o quella della responsabilità che “eviti al paese il dissesto di bilancio e alla politica di trascinarci in una ingovernabilità come la Grecia”.

Coro di condivisione pressoché unanime nei ranghi pidiellini. Il presidente dei senatori Gasparri ha già accolto e calendarizzato la richiesta di alcuni senatori di riunirsi per approfondire le riflessioni di Schifani. Non mancano però alcuni distinguo, come quelli dei malpancisti convinti che domani non accadrà nulla di significativo, ma anche di alcuni autorevoli esponenti ex An. Matteoli liquida la pratica constatando che un tempo i presidenti del Senato stavano zitti e non prendevano carta e penna, mentre La Russa condivide molto dell’analisi di Schifani, dice che è arrivato il momento di decidere ma rifiuta la strigliata su accenti a volte troppo estremi sull’operato del governo.

Oggi si saprà se ‘l’operazione verità’ ci sarà e, soprattutto, cosa produrrà. Tuttavia la sensazione della vigilia è che, stavolta, il Pdl non potrà non decidere da che parte andare.

 

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. schifani
    L’unica via per il pdl dopo ciò che ha combinato agli
    italia.i è di andare all’inferno e restarci++++++++

  2. un partito di buffoni socialisti
    Non ci sono vie d’uscita per un partito di buffoni socialisti che ha ingannato l’elettorato facendo finta di essere un partito antistatalista e liberale.
    Il primo punto all’ordine del giorno per solo sperare di fermare il processo di disgregazione sarebbe quello di mandare via a calci casa boniver, cicchitto, alemanno, la russa, lupi e compagnia bella. Tutta questa gente non ha più nessuna credibilità e nessuna speranza di redenzione.
    Responsabilità? Sì, fa bene Schifani ad aggrapparsi alla responsabilità. E’ l’unica cosa che gli rimane da poter dire. Ma alle prossime elezioni anche Schifani sarà preso sonoramente a calci in c..lo.
    Il pdl ha ancora un mucchietto di voti: l’immagine di berlusconi tiene insieme con lo sputo qualche vecchio elettore. Ma questo collante ormai sta inesorabilmente disgregandosi, sia perchè berlusconi ormai è solo uno spento vecchietto, sia perchè la realtà dello schifo socialista emerge chiaro ogni giorno che passa.
    Il PdL è durato finchè Berlusconi è riuscito a mascherare tutto il letame circostante.
    Casini, Fini i socialisti del PdL sono solo un branco di cattocomunisti, identici in tutto e per tutto al PD. Fine della storia.

  3. scioglietevi ed andatevene !
    Al PDL, che anch’io votai secoli fa, non resta che una via per una fine dignitosa : lo scioglimento del partito, prima che ci pensino gli elettori ex moderati a scioglierlo definitivamente a calci nel didietro

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here