Home News Nessun taglio dei Fondi Fas per l’Abruzzo: ha vinto il gioco di squadra

l'Occidentale Abruzzo

Nessun taglio dei Fondi Fas per l’Abruzzo: ha vinto il gioco di squadra

0
2

Se ce ne fosse bisogno, la conferma è arrivata puntuale. L’unione fa la forza. E di unione, declinata soprattutto in forma di collaborazione bipartisan, la regione Abruzzo ora non può fare a meno. E’ successo con i Fas, fondi fondamentali per lo sviluppo della regione, sui quali pesava la scure dei tagli previsti dalla manovra finanziaria. Circa 612 milioni di euro – a tanto ammonta la quota che spetta all’Abruzzo - che in questo momento fanno una grande differenza. E che arriveranno fino all’ultimo centesimo nelle casse della regione. Così ha deciso la commissione Bilancio del Senato.

Ma dietro questo importante risultato c’è senza dubbio la vittoria di un metodo, quello della condivisione. L’emendamento “unico” sul quale si è ottenuto il via libera della commissione è infatti il frutto dell'unificazione di sette testi, presentati dai senatori abruzzesi del Pdl, di Pd, Idv, Fli e Forza del Sud.

Messe da parte le logiche di schieramento, tutti hanno mirato all’obiettivo, che è quello di ridare slancio e vigore all’economia regionale. “Ringrazio il governo per parere favorevole, l’intera commissione, i senatori di altre regioni e di altre forze politiche che ci hanno sostenuto – è stato il primo commento del senatore del Pdl, Paolo Tancredi - . Come promesso dal ministro Fitto, ora si resta in attesa della delibera del Cipe per lo stanziamento dei fondi destinati all’Abruzzo”.

La strada, dunque, dovrebbe essere tutta in discesa. E, a confermarlo, è anche il vicepresidente della Commissione Bilancio del Senato, Alfonso Mascitelli, che ha sottolineato come non sia mai accaduto che un emendamento passato all’unanimità in commissione, poi sia stato stralciato successivamente.

Anche sui tempi c’è un cauto ottimismo, visto che nell’emendamento è stata inserita una raccomandazione al governo circa il rispetto della legge di contabilità dello Stato secondo cui, entro il 20 ottobre, in occasione del varo della legge di bilancio, devono essere allegati tutti i documenti programmatici aggiornati relativi ai Fas.

E di risultato decisivo per il futuro della regione ha parlato anche il presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano per il quale in questo modo si salvano “i finanziamenti destinati allo sviluppo economico dell'Abruzzo”. Dopo i doversi ringraziamenti all’impegno del senatore Paolo Tancredi, Pagano ha ricordato che “il Consiglio regionale, nella seduta del 15 agosto, ha avuto un ruolo strategico e di stimolo rispetto ad un tema fondamentale e collettivo per lo sviluppo economico della nostra regione. Dopo questo difficile passaggio – ha concluso - attendiamo soltanto la delibera Cipe per il Fas Abruzzo che, come promesso dal ministro Fitto, dovrebbe arrivare entro settembre”.

Ma un altro passaggio importante, prima della riunione del prossimo Cipe, potrebbe essere quella dell’8 settembre, quando si riunirà la Consulta del Patto per lo Sviluppo dell’Abruzzo. Molto probabilmente il governatore informerà la parti sociali circa la data dell’incontro con il governo. Un appuntamento al quale sarà necessario prepararsi con cura, soprattutto in vista della ripartizione dei Fas, che, ora che si sono, dovranno essere divisi nel migliore dei modi sul territorio.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here