Nessuno si è accorto dell’aumento dei prezzi alla produzione

0
47

La maggioranza dei commenti degli osservatori si sono appuntati di recente sul dato negativo dell’inflazione al consumo, che è accelerata dal 2,4 per cento in ottobre al 2,5 per cento in novembre.

Non ha ricevuto, invece, l’attenzione che merita la dinamica dei prezzi alla produzione, che evidenzia un’evoluzione preoccupante per l’Italia, rispetto ai nostri partner europei.

L’inflazione alla produzione nel nostro paese, infatti, è aumentata fortemente, balzando al 3,5 per cento in settembre,  dal 2,1 per cento nel mese precedente; un incremento relativamente più rilevante di quello dell’inflazione al consumo che pone l’Italia in condizioni nettamente peggiori  rispetto alla Germania, dove i prezzi alla produzione sono saliti dell’1,5 per cento, e alla Francia, dove sono aumentati del 2,7 per cento.

Per le nostre imprese, fortemente orientate all’export, gli aumenti dei prezzi alla produzione relativamente più elevati rispetto alla Germania e alla Francia determinano una perdita di competitività, aggravando il danno prodotto dal deprezzamento del dollaro.

Non sorprende quindi che, secondo stime preliminari, le esportazioni italiane sarebbero addirittura diminuite a ottobre, dell’1,6 percento, e l’indicatore del clima di fiducia delle imprese industriali italiane abbia rilevato una diminuzione a novembre.

In tutti i paesi europei, gli aumenti dei prezzi alla produzione sono riconducibili alla dinamica dei prezzi dei beni alimentari e dell’energia.

Nel caso italiano, la componente energetica incide pesantemente in virtù dell’insufficiente diversificazione della produzione e delle fonti di approvvigionamento di energia.

Invece di adombrare il ricorso a iniziative inefficaci di controllo dei prezzi, il Governo farebbe meglio ad attivare le tanto attese politiche di liberalizzazione e la realizzazione di rigassificatori.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here