New York, New York

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

New York, New York

09 Marzo 2007

Rudy Giuliani contro Hillary Clinton, ovvero New York contro New
York. Mancano ancora 9 mesi all’inizio delle primarie e quasi due anni
alle presidenziali, eppure, sondaggi alla mano, quella tra il “sindaco
d’America” e la senatrice-già-First Lady pare essere la sfida
più probabile del 2008. In tal caso, la Grande Mela tornerebbe
protagonista assoluta nella corsa alla Casa Bianca dopo oltre 60 anni.
Bisogna risalire infatti al 1944 quando il newyorchese Franklin Delano
Roosevelt si confrontò con Thomas Dewey, district attorney di
New York. Va detto subito, però, che mentre Rudy Giuliani è un figlio
di Brooklin, che ha inscindibilmente legato il suo nome alla “città che
non dorme mai”, Hillary (nata a Chicago) è newyorchese solo di
adozione. Di fatto, vive nella città bagnata dal fiume Hudson da soli 7
anni, da quando cioè conquistò il seggio di senatrice dello Stato di
New York. In quell’occasione, Hillary avrebbe dovuto vedersela proprio
con Rudy Giuliani. Ma il sindaco fu costretto a rinunciare alla
scontata nomination repubblicana a causa di un tumore alla prostata e
ai guai legati al suo secondo divorzio. L’allora First Lady si trovò, così, la strada spianata e liquidò facilmente l’avversario Rick Lazio, conquistando il 55 per cento dei suffragi.

Quello
tra Hillary e Rudy non è solo un duello tra due personalità,
espressione di due partiti. In realtà, come ha scritto in modo pungente
Peggy Noonan, editorialista del Wall Street Journal e già speechwriter
di Ronald Reagan, a contrapporsi sono due stili di vita. Per la Noonan,
che abita a Brooklin, Giuliani parla il linguaggio della New York di un
tempo, quella “tosta” che non cerca a tutti i costi di convincerti se
la pensi diversamente. La senatrice, invece, sarebbe la campionessa
della New York calcolatrice, che studia ogni mossa, perché tutto è
business. Insomma, secondo la columnist del WSJ, i due
contendenti rappresentano le due diverse anime di New York: quella dei
pendolari nella metropolitana e quella dei businessman in limousine.

Tuttavia,
non mancano le sorprese. Secondo un sondaggio commissionato dalla
Quinnipiac University, a metà febbraio, qualora si votasse solo a New
York, Giuliani verrebbe infatti nettamente sconfitto dalla senatrice
democratica. I newyorchesi assegnerebbero il 50 per cento dei consensi
a Hillary e solo il 40 per cento al loro ex sindaco, “il nostro Winston
Churchill” come fu ribattezzato dal settimanale Newsweek dopo
l’11 settembre. D’altro canto, come è noto, la Grande Mela è sempre
stata un bastione del partito Democratico. Né appaia un paradosso più
di tanto il fatto che a governare la città si siano succeduti, negli
ultimi 15 anni, due sindaci conservatori. Sia Giuliani che Bloomberg,
infatti, vengono spesso descritti come “Repubblicani solo di nome”. Gli
americani, innamorati degli acronimi, ne hanno inventato uno anche per
indicare questa categoria di politici. Sono i RINO, appunto Republican In Name Only. La destra del Grand Old Party storce la bocca per le posizioni di Giuliani su aborto ed unioni gay. Giuliani un liberal? Niente di più spiegato, secondo la rivista conservatrice newyorchese City Journal,
che in un lungo e appassionato articolo a firma Steven Malanga ha
indicato in Rudy Giuliani il più credibile (ed eleggibile) dei
candidati conservatori alla Casa Bianca. A dimostrarlo sarebbero i suoi
anni da Major of New York, caratterizzati da quei principi –
ottimismo, responsabilizzazione dei cittadini, lotta alla criminalità,
spirito di iniziativa – da sempre cari al partito Repubblicano.

Anche
ad Hillary non mancano i problemi con il suo partito, che la considera
non tanto il miglior candidato possibile quanto piuttosto quello
“inevitabile”. Precisa, ambiziosa, intelligente, la senatrice fa il
pieno dei finanziamenti elettorali, ma non scalda i cuori. Le manca
l’appeal del marito, quella straordinaria capacità di empatia con il
pubblico, che ha fatto di Bill Clinton uno dei grandi comunicatori
della politica americana degli ultimi decenni. L’obiettivo di Hillary
Clinton, ha scritto il New York Times il 6 marzo scorso, è di “mostrare
che è forte abbastanza per guidare gli americani in tempi di guerra, ma
anche abbastanza tenera per capirne le preoccupazioni”. Impresa non
facile. Non a caso, la senatrice democratica ha impostato la sua
campagna come una conversazione con gli elettori. “Let the Conversation
Begin”, “Diamo inizio alla conversazione”, è lo slogan che campeggia in
ogni suo appuntamento elettorale. Intanto, c’è già chi pensa al
sostituto di Hillary al senato, qualora approdasse a Pennsylvania Avenue
lasciando il seggio vacante per gli ultimi due anni di mandato. La
nomina spetterebbe al governatore dello Stato di New York. Ma qualcuno
nel partito Democratico ha già avanzato un nome. Provate a indovinare?
Sì, proprio lui, Bill Clinton.