Home News Niger. L’Unione Africana e la Francia condannano il colpo di Stato

Niger. L’Unione Africana e la Francia condannano il colpo di Stato

0
21

Il presidente della Commissione dell'Unione africana (Ua), Jean Ping, ha "condannato la presa del potere con la forza nel Niger", chiedendo un "ritorno rapido all'ordine costituzionale". Lo si legge su un comunicato dell'Ua.

"Il presidente della Commissione dell'Ua - si legge nella nota - condanna la presa del potere con la forza avvenuto in Niger. Ping segue con preoccupazione la sviluppo della situazione in Niger - prosegue il comunicato - ed è in contatto con il presidente della Commissione della Cedeao (la Comunità economica dei Paesi dell'Africa occidentale) e con altri attori internazionali coinvolti". Nel comunicato l'Ua ricorda di "condannare sistematicamente qualunque cambiamento anticostituzionale" in Africa e quindi anche il colpo di stato avvenuto ieri.

Anche la Francia ha "condannato" la presa del potere dei militari in Niger, avvenuta "per vie non costituzionali" e ha fatto un appello al "dialogo" per trovare una soluzione alla crisi. Lo ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner.

Ieri militari del Niger hanno effettuato colpo di stato e, dopo una giornata di scontri, il presidente Mamadou Tandja e tutti i membri del governo sono stati arrestati e imprigionati in una caserma vicino alla capitale, Niamey. L'esercito ha sciolto tutte le istituzioni statali e ha dichiarato sospesa la Costituzione.

Intanto, dopo i combattimenti di ieri, nella capitale la calma sembra essere tornata. I mezzi blindati e jeep militari armate di mitragliatrice sono stati schierati stamani nel quartiere centrale di Niamey. La giunta militare che ha preso il potere, guidata dal colonnello Goukoye Abdoulakarim, ha chiuso le frontiere e ha imposto il coprifuoco di notte. Tandja sarebbe stato rinchiuso in una caserma non lontano dalla capitale.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here