Nuovo monito Nato, no ai negoziati coi terroristi

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nuovo monito Nato, no ai negoziati coi terroristi

27 Marzo 2007

“Oggi nella sala vi era il chiaro sentimento che nessuno di noi dovrebbe accettare di negoziare il rilascio di ostaggi in cambio di terroristi”. Queste le parole del sottosegretario di Stato americano Nicholas Burns, che ha partecipato oggi a una riunione della Nato a Bruxelles.
“La posizione degli Stati Uniti – ha proseguito Burns – è che non si tratta con i terroristi. In ambito Nato stiamo elaborando una linea comune sulla questione, speriamo di riuscirci”. Infine, senza un chiaro riferimento all’Italia, ma con una certa enfasi su quanto accaduto per la liberazione di Mastrogiacomo, Burns ha concluso dicendo che “la grande maggioranza degli alleati sostiene la posizione di non negoziare con gli ostaggi”.