Nuovo Senato, Renzi vuole l’accordo e subito

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Nuovo Senato, Renzi vuole l’accordo e subito

29 Aprile 2014

I rappresentanti del Nuovo Senato indicati dai consiglieri regionali, lasciando alle Regioni i criteri con cui sceglierli. Parlando alla assemblea dei Senatori del Partito Democratico, il premier Renzi ribadisce la proposta di mediazione sulla riforma della Camera alta. Un tentativo di sintesi sulla vicenda della eleggibilità dei senatori tra il testo base del Governo e il ddl avanzato dalla minoranza Dem. Secondo il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, sulla prospettiva della elezione indiretta "c’è larga condivisione" nel partito. Sull’Italicum, Renzi ha aggiunto che occorre il ballottaggio come una scelta di chiarezza. Renzi ha contestato chi lo accusa di autoritarismo, ripetendo che la sua idea di riforma è in continuità con i governi dell’Ulivo e la campagna elettorale di Bersani. Nello stesso tempo ha confermato la importanza di tenere dentro il patto anche Forza Italia.