Obama a Oslo per ricevere il premio Nobel

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Obama a Oslo per ricevere il premio Nobel

10 Dicembre 2009

Il presidente americano Barack Obama è arrivato a Oslo per la cerimonia di consegna del Premio Nobel per la pace.

Al suo arrivo il leader della Casa Bianca, accompagnato dalla moglie Michelle, ha trovato ad attenderlo il ministro degli Esteri norvegese Jonas Gahr Store e Kaci Kullmann Five, vicepresidente del Comitato Norvegese del Nobel. La visita di Obama a Oslo durerà 26 ore, durante le quali ha in programma, oltre alla cerimonia in cui riceverà il riconoscimento e pronuncerà un discorso, un incontro con re Harald ed altri esponenti della famiglia reale ed un colloquio con il premier Jens Stoltenberg.

Non mancano però le polemiche in merito alla consegna del prestigioso riconoscimento. L’ex presidente Fidel Castro ha accusato in queste ore il presidente statunitense di essere stato “cinico” per aver accettato il Nobel per la Pace “quando ormai aveva deciso di portare la guerra in Afghanistan fino alle ultime conseguenze”. Nel discorso a West Point dello scorso primo dicembre, Fidel dice nell’articolo pubblicato oggi su internet di aver avuto “la sensazione di stare ascoltando George W.Bush; i suoi argomenti non sono per nulla diversi dal suo predecessore tranne il fatto che Obama era contrario alle torture”.

Fidel ha attaccato Obama per “non aver detto una parola sulle centinaia di migliaia di persone, compresi bambini e anziani, che sono morte in Iraq e Afghanistan e i milioni di iracheni e afghani che soffrono le conseguenze della guerra senza alcuna responsabilità nei fatti successi a New York”. “Adesso – aggiunge Fidel – bisogna aspettare un altro discorso teatrale a Oslo, nuove frasi che nascondono l’esistenza reale di una super potenza imperiale con centinaia di basi militare dispiegate in tutto il mondo e duecento anni di interventi militari nel nostro emisfero”.