Ocse: debole produttività in Italia, costo lavoro rimane alto

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ocse: debole produttività in Italia, costo lavoro rimane alto

Ocse: debole produttività in Italia, costo lavoro rimane alto

21 Settembre 2015

La crescita della produttività resta debole e nonostante il rallentamento della crescita del costo unitario del lavoro dall’inizio della crisi, la crescita complessiva di tale indicatore resta tra le più alte dell’area euro, secondo quanto comunicato dall’Ocse circa i dati trimestrali sul costo del lavoro.

 

Nei 34 Paesi aderenti all’Organizzazione, il costo unitario del lavoro è aumentato in media dello 0,1% nel secondo trimestre, come nei primi tre mesi dell’anno. L’andamento riflette un aumento dei costi di retribuzione dello 0,5% (contro +0,1% nel primo trimestre), in parte compensato da un incremento dello 0,4% della produttività (Pil per persona occupata) che aveva avuto una dinamica piatta nei tre mesi precedenti.

 

L’Italia si segnala, per altro, con un calo del costo unitario del lavoro dello 0,7% (dopo +0,5% nei primi tre mesi), che deriva da un calo dei costi salariali per occupato pari a -0,6% (dopo +0,8%) e da un aumento della produttività pari a +0,1% (dopo +0,3%). Nella zona euro, il costo del lavoro è salito dello 0,1%, in rallentamento rispetto a +0,2% nel primo trimestre, per effetto di un aumento dei costi salariali di +0,1% (dopo +0,5%), mentre la produttività è stata piatta (dopo +0,3%).

 

(Tratto da Amici di Marco Biagi)