Onu. Nirenstein: “Evitare una nuova farsa con Durban 3”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Onu. Nirenstein: “Evitare una nuova farsa con Durban 3”

Onu. Nirenstein: “Evitare una nuova farsa con Durban 3”

25 Novembre 2010

L’Italia deve evitare una nuova farsa con "Durban 3". E’ questo in sostanza l’appello lanciato da Fiamma Nirenstein, deputata Pdl e  Vicepresidente della Commissione Esteri, rendendo noto che martedì scorso l’Assemblea Generale dell’Onu ha approvato una risoluzione che indice di fatto la terza edizione degli incontri dell’Onu contro il razzismo, le conferenze  che divennero, di fatto, un festival di odio razzista contro Israele e contro gli Stati Uniti.

 

"Sono lieta di annoverare l’Italia – spiega la Nirenstein – tra i 19 paesi che hanno votato contro la risoluzione, tuttavia appoggiata da 121 Stati, che stabilisce di riaffermare, nel settembre 2011, in un giorno di grandi celebrazioni, la famigerata Carta uscita da Durban 1, sulla base di una delle peggiori iniziative che l’Onu abbia mai intrapreso, iniziativa caratterizzata soprattutto dalla presenza di Fidel Castro, Arafat e Mugabe, che tennero banco alla conferenza del 2001 con i loro discorsi di odio"

Quindi, continua la deputata del Pdl, "nel 2001 infatti, pochissimi giorni prima degli attentati dell’11 settembre, a Durban si svolse un festival di odio antisemita e antioccidentale, con manifestazioni inneggianti a Bin Laden e dimostranti che inseguivano gli ebrei per le strade. Oggi si vuole riproporre come Vangelo l’impresentabile documento uscito da quella situazione e riconvocare le Organizzazioni non governative che ne furono l’anima. Non è troppo tardi per impegnarci ad evitarlo", chiosa la Nirenstein.