Ordigno alla sede del Pd di Firenze, Alfano contro ogni intimidazione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ordigno alla sede del Pd di Firenze, Alfano contro ogni intimidazione

10 Giugno 2014

 Il ministro dell’interno Angelino Alfano reagisce con fermezza dopo l’ordigno piazzato nella sede del Pd a Firenze: "un grave atto intimidatorio" che "rientra in schemi di violenza che abbiamo sempre contrastato e contro i quali, ancora oggi, lavoriamo perché non appartengano mai più alle dinamiche di una società civile". Alfano ne ha parlato oggi in una lunga telefonata con il responsabile della sicurezza del Pd, Fiano. "Non sottovalutiamo nessun episodio del genere e, a garanzia delle nostre comunità, ci impegniamo, ognuno nel proprio ruolo, per fare immediata chiarezza sull’accaduto". Ogni forma di intimidazione, secondo Alfano, e’ una forma di "linguaggio incivile e contrario a ogni principio democratico" e costituisce "un rischio per l’incolumità pubblica e rappresentano la risposta di chi non sa parlare, colpisce, e si nasconde".