Padova: insulta bimbe con velo islamico, maestra sospesa

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Padova: insulta bimbe con velo islamico, maestra sospesa

29 Aprile 2008

E’ stata sospesa dall’insegnamento una
maestra che in una scuola elementare di Padova ha inveito contro
il velo islamico indossato da due alunne.

La notizia è riportata
da ‘Il Mattino di Padova’: la maestra D.B., madre di due figli e
insegnante nelle classi quarta e quinta di uno degli istituti
comprensivi della città, è stata sospesa fino alla conclusione
dell’anno scolastico per aver “turbato gli alunni con parole
oscene” e soprattutto per aver manifestato disprezzo per il velo
islamico indossato anche in classe da due bambine di religione
musulmana. ‘Toglietevi ‘sti veli…’, avrebbe esclamato davanti a
tutta la classe. Ma la maestra, secondo indiscrezioni, avrebbe
più volte schernito i suoi alunni, soprattutto le bimbe
prendendole in giro perché grasse o comunque per il loro aspetto
fisico.
La decisione di sospendere la maestra è stata presa dal Consiglio
di disciplina dell’Ufficio scolastico provinciale, dopo
un’istruttoria durata due mesi. L’insegnante, infatti, era stata
sospesa in via cautelare all’inizio di gennaio dalla preside, una
scelta subito confermata dalla dirigente dell’Ufficio scolastico
regionale, Carmela Palumbo.

La valutazione della posizione della maestra non è ancora
conclusa, ma i dirigenti scolastici hanno per ora ritenuto giusto
tenere l’insegnante lontana dalle classi. La maestra, dal canto
suo, ha chiesto aiuto al sindacato Snals e ha chiesto la tutela
dell’avvocato Fabrizio Scagliotti, e – riferisce il ‘Mattino’ –
si è difesa parlando di “invidia” da parte degli altri insegnanti
perché “ho un piccolo appartamento a Porto Rotondo, dove
trascorro le vacanze, circostanza che mi ha consentito di
incontrare molte persone note, come i Moratti, Afef, Vittorio
Sgarbi, e di conoscere questori, magistrati e un’infinità di
uomini politici”.