Padre Bossi nella mani  di al Qaida

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Padre Bossi nella mani di al Qaida

08 Luglio 2007

Le autorità delle Filippine ne sono certe: padre Bossi, il sacerdote italiano rapido il 10 giugno scorso nel sud delle Filippine, è in mano ad esponenti del gruppo Abu Sayyaf, considerato vicino alla rete terroristica di al Qaida.
La tesi è sostenuta dal consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Gloria Arroyo, Norberto Gonzales, che dice di avere avvertito di tale eventualità anche Margherita Boniver, l’ex sottosegretario italiano agli Affari Esteri che si è recato nei giorni scorsi nelle Filippine per raccogliere informazioni sul caso. Gonzales ha anche segnalato che le autorità locali si attendono la pubblicazione di nuove fotografie del missionario, destinate a provare che il sacerdote è ancora in vita. Il consigliere per la sicurezza del presidente delle Filippine avrebbe inoltre avvertito la Boniver di non contare su una rapida liberazione di padre Bossi, perchè il gruppo Abu Sayyaf è il movimento islamico ritenuto responsabile degli attacchi terroristici più sanguinosi compiute nelle Filippine.