Home News Padre Bossi, nuovo appello sul Manila Times

Padre Bossi, nuovo appello sul Manila Times

0
59

Ancora nessuna notizia concreta su padre Giancarlo Bossi e intanto Asgar Sani, esponente musulmano di Marawi, fa un appello in favore della sua liberazione: “Liberate il sacerdote in nome dell’Islam”.

Marawi è una città di circa 130.000 abitanti nella provincia di Lanao del Sur, una delle zone in cui si è più volte detto che potrebbe trovarsi padre Bossi, il missionario rapito ormai più di un mese fa nel sud delle Filippine.

La notizia dell’appello è stata diffusa stamani dal quotidiano filippino “Manila Times”. Il giornale al missionario un esteso servizio, raccogliendo le voci e testimonianze di varie persone della zona. Fernando Mudai, esponente tribale della provincia di Zamboanga, racconta che il missionario era seriamente impegnato a promuovere il dialogo e la pace tra i vari gruppi della zona. E aggiunge: “si tratta di un uomo facilmente avvicinabile e senza riserve nel trattare con persone di qualsiasi provenienza, incluse le popolazioni indigene”.  Aderendo all’appello di Asgar Sani, Mutai si interroga sul perché di questo rapimento: infatti non è facile spiegarsi chi possa mai aver interesse a rapire una persona così benvoluta.

“Ci ripeteva sempre che quando c’è la pace tutti ne traggono vantaggio” ha intanto detto al quotidiano di Manila, Faustina Flavia,una parrocchiana di padre Bossi, soprannominato da tutti “il gigante buono” per la sua stazza fisica e per l’aiuto che dispensava a chiunque ne avesse bisogno.  Dal quotidiano si apprende inoltre che l’ipotesi di fonte militare, secondo la quale padre Bossi sarebbe nelle mani dei radicali di Abu Sayya, appare sempre più infondata.

Molto forte anche la dichiarazione rilasciata al “Manila Times” da padre Peter Geremiah, del Pime (Pontificio istituto missioni estere), che ricorda la disponibilità di padre Bossi a vivere esattamente come i suoi parrocchiani e a “servire tutti senza distinzioni di fede”, soprattutto se poveri. Geremiah racconta che Payao, parrocchia del missionario rapito, è abitata da una comunità prevalentemente cristiana che

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here