Pakistan, cristiani chiedono al governo protezione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pakistan, cristiani chiedono al governo protezione

30 Agosto 2007

Il Christian Action Committee del Baluchistan ha chiesto al
governo pakistano di garantire maggiore protezione alle chiese della regione
occidentale del Pakistan e di arrestare i responsabili dell’attacco sferrato
domenica scorsa contro una chiesa di Quetta.

È quanto si legge oggi sul quotidiano pakistano ‘Dawn’. Per
i cristiani che vivono in Pakistan la situazione è diventata difficile dopo che
i talebani hanno invaso anche le zone remote del Paese in primavera. Nella
Provincia della frontiera nordoccidentale, ad esempio, la comunità cristiana ha
ricevuto numerose minacce da parte di gruppi vicini ai miliziani ribelli che
imponevano la conversione all’Islam.

Domenica scorsa una trentina di persone hanno fatto
irruzione in una chiesa di Quetta, attaccando i fedeli, alcuni dei quali sono
rimasti feriti. Dopo l’attacco gli agenti della polizia hanno arrestato alcune
persone, ma la maggior parte dei membri del commando è riuscita a sfuggire alla
cattura ed è ancora in libertà.