Home News Parola di Corrierone: Cav e Spread non erano collegati…

Ipse dixit

Parola di Corrierone: Cav e Spread non erano collegati…

1
51

I politici come Enrico Letta, vicesegretario del Pd, che negli ultimi momenti del governo di centrodestra si erano spinti a dichiarare pubblicamente che la caduta del Cavaliere ci avrebbe regalato «100 punti di spread» sono stati clamorosamente smentiti. E la destra può tranquillamente accusarli di aver ceduto alle lusinghe della propaganda, di aver raccontato una bugia. E con loro l'antiberlusconismo chic ha tradito anche quei banchieri da talk show che per strappare un applauso avevano addirittura raddoppiato il bonus di Letta fino a prevedere 200 punti in meno di spread! A far rinsavire gli uni e gli altri lunedì è arrivata la dura lezione del mercato e hanno preferito staccare il telefono per non dover rispondere delle loro imbarazzanti profezie.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Rovesciare i tavoli e lottare
    Ho letto l’articolo di Di Vico, che è molto interessante, perchè alla fine spiega chiaramente che qui il problema non è nè l’Italia nè la Spagna, ma il fatto che la BCE non possa intervenire stampando moneta e garantendo TUTTO il debito europeo. La Germania non vuole, e bisognerà attendere che la tempesta spazzi per bene anche la Francia perchè la Merkel rinsavisca: infatti rimarranno solo macerie. Di fronte a queste notizie occorre che la destra riprenda il controllo della politica e della piazza e definisca una azione dura contro Merkel, Sarkozy, i banchieri tedeschi e francesi e la BCE minacciando, se serve, la denuncia del trattato di Maastricht e il ritorno alla lira e alla libertà di stamparla – magari con una sonora svalutazione che faccia veramente male alla Germania e alla Francia. Caspita, devo farlo io? E’ talmente chiaro….forza, Berlusca, è l’occasione della tua vita.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here