Patrick Zaki sarà rilasciato dopo 22 mesi di carcere, ma non assolto

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Patrick Zaki sarà rilasciato dopo 22 mesi di carcere, ma non assolto

Patrick Zaki sarà rilasciato dopo 22 mesi di carcere, ma non assolto

07 Dicembre 2021

Patrick Zaki sarà rilasciato ma non assolto per l’accusa di diffusione di false notizie in Egitto e all’estero. Lo ha stabilito la seconda divisione del Tribunale di Emergenza per i reati minori di Mansoura, aggiornando l’udienza al prossimo 1 febbraio 2022.

“Più di tutto però temiamo che possano arrestarlo domani imputandogli nuovi capi d’accusa“. Amr Abdelwahab è membro del movimento Patrick libero e parla con la Dire al termine dell’udienza appena conclusa presso la seconda divisione del Tribunale di Emergenza per i reati minori di Mansoura, nel nord dell’Egitto, a carico dello studente dell’Università di Bologna Patrick Zaki. Abdelwahab cita il meccanismo della cosiddetta “porta girevole”, una pratica denunciata da organizzazioni come Amnesty International o Human Rights Watch, con cui la magistratura egiziana incarcera una persona poche ore dopo che è sopraggiunto il rilascio, l’assoluzione o il termine dei due anni di detenzione preventiva previsti dalla legge. Per le associazioni, queste pratiche giudiziarie sono un modo per “imbavagliare e tenere dietro le sbarre le voci critiche contro il governo”.

Abdelwahab fornisce altri dettagli legali del procedimento di oggi. “Il giudice – dice – non ha comunicato una risposta in merito all’istanza degli avvocati di poter ottenere i video delle telecamere di sorveglianza dell’aeroporto del Cairo relativi al 7 febbraio 2020, giorno dell’arresto. Non è insolito che i giudici non rispondano alle istanze degli avvocati”. I legali stamani hanno chiesto l’acquisizione dei video per dimostrare che il ricercatore sarebbe stato arrestato il 7 febbraio 2020 appena sceso dal volo che dall’Italia lo riportava in Egitto, e non l’8 febbraio a Mansoura come scritto negli atti ufficiali. Dal momento che dall’atterraggio i familiari hanno perso di lui traccia, si dimostrerebbe così la tesi del sequestro di persona da parte delle autorità giudiziarie, un’altra pratica che stando ad un report di Amnesty International del 2016 sarebbe diffusa nel paese arabo.

“I legali – conclude Abdelwahab – stanno cercando di capire anche se possono adire una legge che prevede alcune eccezioni al divieto di lasciare il Paese, e che potrebbe permettere a Patrick di partire. Tuttavia è difficile che i giudici acconsentano a ricorrere a questa norma”. Infine, resta da capire se i giudici intendono applicare il fermo notturno, che obbliga gli imputati a pernottare dalle 18 alle 6 del mattino presso la più vicina stazione di polizia.