Home News Pd, Di Petro: Veltroni furbo e ambiguo

Pd, Di Petro: Veltroni furbo e ambiguo

0
90

“Ambigua e furbesca, e perciò non all'altezza di un aspirante leader quale si propone di essere Veltroni". Così il ministro Antonio di Pietro, condanna la dichiarazione di Walter Veltroni in merito al referendum sulla legge elettorale.

 “Una classica soluzione cerchiobottista per attrarre consenso ad ogni costo. Governare non è dare ragione a tutti ma, anche assumersi le proprie responsabilità”, incalza Di Pietro. E aggiunge: “noi dell'Italia dei Valori lo abbiamo fatto, fino al punto di batterci per certificare la nostra morte come gruppo politico, sottoscrivendo e facendo sottoscrivere un referendum che riduce il numero dei partiti e cancella quelli piccoli dal panorama politico. Tutto questo - continua - per un senso di responsabilità verso il Paese poiché, fino a quando non si riduce il numero dei partiti, non si evita quella frammentazione politica che mina la governabilità di cui abbiamo bisogno”. Perciò,  prosegue ancora il ministro, “rispetto a questa esigenza  chi si propone come un futuro leader, deve avere le idee chiare e portare avanti azioni conseguenti. Per questo ci dispiace della posizione non chiara assunta da Veltroni. Oggi - conclude Di Pietro - una delegazione dell'Italia dei Valori incontrerà nuovamente il sindaco di Roma, per chiedergli con determinazione di fare una scelta coerente”.

Del tutto contrastante è invece l’opinione di Luciano Violante che dichiara: “Io avrei fatto la stessa cosa, perché Veltroni condivide la spinta referendaria, ma siccome, nella forza politica che si candida a rappresentare ci sono posizioni diverse, non intende creare un elemento di disordine, una posizione saggia”. Ciò è quanto dichiara il presidente della commissione affari costituzionali della Camera ai microfoni di Radio Radicale in merito alla posizione espressa ieri dal sindaco di Roma Veltroni sul referendum.

Prosegue quindi illustrando la sua linea: “Io sono assolutamente contrario al quesito refendario  perché vi uscirebbe una legge che fa una paccottiglia di tutti i partiti, li mette nella stessa lista, dà una capacità di ricatto alle micro forze necessarie ad avere il premio di maggioranza e poi una volta vinte o perse le elezioni ciascuno andrà nel suo gruppo parlamentare e saremo punto a capo. Questo lo sanno anche i referendari. Tra di loro ci sono persone di grande cultura giuridica e costituzionalistica, e infatti loro stessi dicono che poi la legge verrà corretta, ma correggere un mostro di questo genere mi sembra praticamente impossibile”. In realtà, secondo Violante, “il premio di maggioranza è una iattura perché non crea maggioranze omogenee per governare, ma numericamente prevalenti rispetto ad altre che non sono in grado di governare perché eterogenee. L'unica cosa che rende il sistema politico funzionale è la clausola di sbarramento. Se va avanti il progetto di riforma che sosteniamo in commissione avremmo due camere con funzioni diverse una sola delle quali, la Camera dei deputati, da' la fiducia”.

Intanto Stefano Ceccanti, uno dei principali promotori del referendum segnala  “un debole effetto Veltroni” anche sulla raccolta delle firme per il referendum elettorale. Ma in realtà, spiega meglio il professore, “contra factum non valet argomentum: contro il fatto che la gente ha capito che Veltroni è schierato, non vale l'argomento che non ha firmato”. Per questo motivo dunque l’influenza di Veltroni è risultata del tutto marginale.

 La cosa più preoccupante, come ben denota la questione referendum, ma non solo, è  che, “come previsto, l'arrivo di Veltroni non ha cambiato nulla nel centrosinistra. Le polemiche dure tra il sindaco di Roma e Parisi sul referendum e sulla riforma elettorale dimostrano che il grado di litigiosità sui problemi strutturali del Paese è altissimo e non riguarda soltanto i rapporti tra partiti alleati, ma anche quelli interni allo stesso PD”. È quanto afferma Lorenzo Cesa, segretario dell’Udc. A suo avviso, saranno infatti inevitabili i riflessi negativi sull’intero governo. Perciò dichiara che “l'effetto Veltroni sembra svanire prima ancora di cominciare”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here