Il governo giallo-rosso

Pd-M5S: si va verso il Conte Bis?

0
1035

Si riapre il dialogo tra i 5 Stelle e i Dem, mentre con il colloquio tra il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e i presidenti delle Camere, Elisabetta Alberti Casellati, e Roberto Fico, parte al Quirinale il secondo giro di consultazioni per la formazione di un nuovo governo dopo le dimissioni del premier, Giuseppe Conte.

Segnali di distensione tra il Pd e M5s. “In presenza del Presidente Conte, non è mai stata avanzata la richiesta del Viminale per Luigi Di Maio, né dal Movimento 5 Stelle né da Di Maio stesso”: rilevano fonti di Palazzo Chigi. Una mossa che ha sbloccato l’impasse facendo ripartire la trattativa. Il capogruppo dem al Senato Andrea Marcucci afferma: “Sono ottimista, ci sono passi avanti” e in una nota il M5s replica: “Bene la chiarezza fatta dalla presidenza del Consiglio circa le false indiscrezioni trapelate nelle ultime ore. Al contempo, accogliamo positivamente le parole di apertura di alcuni autorevoli esponenti del Partito democratico sul ruolo del presidente Conte. Sì a un dialogo sul programma e sui temi”.

All’uscita dal Nazareno del resto ancora Marcucci a rassicurare: “Finalmente abbiamo riaperto il tavolo di programma. Alle 18 abbiamo una riunione alla Camera con i capigruppo M5s”. Ma ribadisce: “Lo schema con Di Maio vicepremier non è possibile”. Insomma per il Pd bene Conte, ma no a Di Maio vice.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here