Pd: proteste dei candidati campani: “uno scempio”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pd: proteste dei candidati campani: “uno scempio”

18 Ottobre 2007

 tre dei
quattro candidati alla segreteria regionale del Pd della Campania
chiedono a Veltroni di disporre controlli sullo scrutinio ed il
riconteggio di tutte le schede.
Salvatore Piccolo, Sandro De Franciscis ed Eugenio Mazzarella, in una dichiarazione congiunta, parlano di “scempio in atto” riferendosi all’ interruzione
dello spoglio in Campania 1 e Campania 2. “Stante la perdurante
confusione ed i clamorosi ritardi che a ieri sera non hanno ancora
consentito di conoscere i risultati facciamo appello al segretario
nazionale Walter Veltroni ed ai leader nazionali dei partiti che si
riconoscono nel nuovo soggetto del centrosinistra – scrivono i tre –
affinché voglia “immediatamente disporre un accurato controllo sui
verbali di scrutinio, sui verbali di sintesi e il riconteggio totale
delle schede elettorali tale da interrompere lo scempio in atto.