Pdl. Frattini: “Serve un ricambio generalizzato”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pdl. Frattini: “Serve un ricambio generalizzato”

16 Ottobre 2010

"L’uscita dei finiani costituisce una calamita per tutti coloro che sono scontenti. Serve un ricambio generalizzato, con nuovi coordinatori comunali e provinciali". Il ministro degli Esteri Franco Frattini, in un’intervista a Qn (Quotidiano nazionale), fa il punto sulla fase attuale del Pdl, e precisa: "A livello locale ci sono fazioni che si combattono l’un l’altra, e non va bene".

Secondo il titolare della Farnesina, ci vuole una "fase intermedia" e occorre puntare sul "ruolo degli eletti" come "sindaci, assessori, consiglieri regionali" che "dovrebbero avere un peso ponderato se non addirittura esclusivo nell’elezione dei coordinamenti comunali e provinciali".

Frattini ritiene "fondamentale" arrivare a un "coordinatore unico" perché "vorrà dire che non c’è più bisogno delle quote interne". Sulla vicenda Tremonti-Gelmini, il ministro degli Esteri – che definisce "brava e coraggiosa" la titolare dell’Istruzione – osserva che "Tremonti ha chiesto senso di responsabilità. Ogni ministro si deve saper contenere. Poi ha promesso che per lo sviluppo i soldi ci saranno. Io gli credo".