Home News Pensioni. Calderoli: “Vergogna, Vergogna, Vergogna”!

Pensioni. Calderoli: “Vergogna, Vergogna, Vergogna”!

0
64

Sono diverse e contrastanti le reazioni alla notizia dell'accordo sulle pensioni basse, il segretario delle Cgil Epifani lo considera un “buon viatico” mentre dalla parte opposta Calderoli lo definisce “un elemosina ai poveri”.

“C'è una buona intesa, abbiamo raggiunto quello che volevamo: un aumento delle pensioni più' basse, legato alle storie contributive delle persone. Questo e' un buon primo passo. Certo, può rappresentare un buon viatico, se il governo, come ha fatto ieri sera, ascolta le ragioni e le posizioni del sindacato”, è quanto detto dal Segretario dell Cgil da Firenze che in merito all'ottimismo del ministro del Lavoro Cesare Damiano si è espresso così: “ la palla adesso e' in mano al governo, al Presidente del Consiglio: quindi aspettiamo le sue determinazioni. Comunque è una trattativa dura”.

Di tutt'altro avviso il senatore del Carroccio Roberto Calderoli, il quale ha finemente commentato la vicenda dell'accordo sulle pensioni basse: “Di solito si usa dire che la montagna ha partorito il topolino, invece questa volta la montagna ha partorito una 'cacca di topolino'!”.

“C'è voluto più di un anno di governo alla sinistra per arrivare ad un aumento all'ammontare 33 euro mensili, dicasi 33, cioè un euro al giorno, ma solo alle pensioni piu' basse, ma attenzione non a tutti, ma solo a condizione di avere più di 64 anni e un reddito inferiore ai 654 euro. Vergogna, vergogna, vergogna! Questo Governo prende in giro anche i poveri, dando loro l'elemosina di un euro al giorno e poi spende miliardi e miliardi per gli immigrati?”, ha chiosato Calderoli.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here