Pensioni, Cgil Cisl e Uil frenano ancora

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pensioni, Cgil Cisl e Uil frenano ancora

04 Luglio 2007

Cgil, Cisl e Uil insieme con le rispettive organizzazioni dei pensionati definiscono la proposta presentata dal governo in merito alla rivalutazione delle pensioni a partire dalle più basse  “inadeguata”.

Lo rende noto un comunicato unitario delle confederazioni nel quale si legge che “le proposte sono ancora distanti rispetto alla piattaforma sindacale unitaria ed inadeguate a raggiungere un’intesa”.

I sindacati ribadiscono comunque la volontà di continuare la trattativa e smentiscono ogni volontà di escludere dai futuri miglioramenti le pensioni da lavoro autonomo e gli assegni sociali.

La proposta del governo, oltre a prevedere una rivalutazione delle pensioni sociali stabilisce la soglia minima dei 70 anni per poter godere degli incrementi in caso di pensione derivante da contributi.

Inatnto, è stato fissato per venerdì mattina, alle 10.30, l’incontro tra governo e sindacati per la rivalutazione dei fondi (900 milioni per il 2007 e 1,3 miliardi per il 2008) stanziati per le pensioni minime. Il numero degli interessati oscilla tra i 2,6 e 3,1 milioni di persone.