Home News Per il Sud una nuova “spedizione dei Mille”

Rimettere al centro il Mediterraneo

Per il Sud una nuova “spedizione dei Mille”

0
62

 

II Sud può rinascere solo all’interno della prospettiva euro-mediterranea. Serve una politica economica ed estera di rilancio della nostra economia capace di cogliere le grandi occasioni di sviluppo offerte dall’uscita dalla crisi mondiale. L’emergere prepotente sulla scena mondiale delle economie del Sud-Est asiatico (con al centro la Cina) e dell’Asia meridionale (con al centro l’India) ha infatti ricreato le condizioni per la centralità delle rotte attraverso il Mediterraneo. Le coste mediterranee dell’Europa sono nuovamente in una posizione di centralità e nei traffici mondiali deve riaprirsi la sfida (che sembrava ormai persa) della direttrice euroasiatica a quella transatlantica. In questo contesto, la rendita di posizione geografica va però accompagnata da importanti e decisivi investimenti che promuovano lo “sviluppo produttivo”.

I segnali positivi all’orizzonte ci sono: nel 2010 il PIL riprenderà a crescere, a ritmi più elevati di quelli attesi prima dell’estate, ma ancora non sufficienti; la massima perdita occupazionale è attesa in questo semestre ma l’occupazione è diminuita meno di quanto ipotizzato, i redditi sono stati tutelati e la disoccupazione è aumentata meno rispetto agli altri Paesi; gli ordini e la produzione stanno riprendendo a crescere. Sta a noi trasformare questi segnali in opportunità e in occasioni di crescita. La ripresa dopo la crisi (la cosiddetta “Fase 2”) è quindi alle porte e il Sud potrebbe esserne il “volano”.

Il Mezzogiorno è un’occasione non solo per l’Italia, ma anche per tutta l’Europa. Bisogna coltivare nuove direttrici del commercio, nuovi canali di distribuzione e nuove relazioni politico-commerciali. Si deve puntare con convinzione sul progetto Mezzogiorno non solo per la coesione interna (nazionale) ma anche per quella esterna (europea e mediterranea).

In concreto, che fare? Individuo almeno tre priorità:

1. costruzione di un sistema logistico che, unificando la sponda nord a quella meridionale, sia grado di riportare il Mediterraneo al centro del mondo. Non vanno nemmeno tralasciate la definizione e la realizzazione di una efficiente strategia energetica: piano razionale di oleodotti, gasdotti, elettrodotti nonché terminali gasieri;

2. investimenti in tecnologie hard e soft per la trasformazione delle società. II modello di sviluppo è peraltro ormai indissolubilmente legato al concetto di qualità della vita. Ad esempio, i nuovi ambienti urbani devono essere sostenibili ed ecocompatibili: gli interventi devono interessare prioritariamente trasporti civili, logistica integrata per le merci, verde e decoro urbano, amministrazioni pubbliche amiche, cultura e società;

3. formazione di prim’ordine a livello scolastico ma soprattutto a livello universitario per rispondere al meglio sia al declino demografico (italiano e in parte  europeo) sia alla scarsità di risorse umane giovani e formate di alcune aree del Paese e in particolare dei Paesi che si affacciano sulle sponde meridionali e orientali del Mediterraneo. II capitale umano è infatti sempre più il fattore critico di successo nei modelli economici moderni.

II grande Piano per il Sud può essere realizzato attraverso:

- l’efficienza, la produttività, la trasparenza, la lotta alla corruzione, la qualità della burocrazia e il federalismo fiscale;

- portando a compimento le grandi opere e le infrastrutture materiali e immateriali necessarie allo sviluppo del Mezzogiorno, in modo da proiettare il Paese verso il Mediterraneo allargato;

- chiedendo all’UE di investire nel Sud non solo in nome della coesione economico-sociale non solo interna ma anche esterna.

Ipotizzando un sistema di tipo “hub & spoke”, immagino una struttura centrale collocata presso la Presidenza del Consiglio che assuma le funzioni e il ruolo di struttura tecnica intergovernativa con il compito di coordinare la realizzazione degli interventi programmati. A questa andrebbero aggiunte le diverse strutture distribuite nei diversi Ministeri che contribuiscono, con le loro specifiche competenze tecniche e risorse, alla strategia complessiva in favore del Mezzogiorno.

Replicando il modello seguito con successo a L’Aquila, l’azione congiunta del pubblico (Ministeri) e dei privati - ciascuna per la parte di propria competenza - garantirebbe l’efficacia dell’intervento. Si avvierebbe in questo modo una nuova “spedizione dei Mille” con strumenti innovativi (quali ad esempio il portale della mobilità del pubblico impiego) e avvalendosi di un sistema di incentivi economici e di carriera che porti al Sud i migliori ricercatori, professori, giudici, medici e funzionari.

 

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here