Per Renzi l’Italia ce la fa se esporta e non si piange addosso

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Per Renzi l’Italia ce la fa se esporta e non si piange addosso

23 Luglio 2014

Matteo Renzi fa un bilancio del viaggio in Africa parlando di Italia, export e globalizzazione. "La globalizzazione non è nemica dell’Italia, è la sua più grande occasione" dice il premier. Siamo naturalmente avvantaggiati come sistema Paese in un mondo che "chiede bellezza, qualità della vita, lifestyle". Ma l’Italia "può dare una risposta se smette di piangersi addosso", aggiunge Renzi puntando tutto sul sostegno al Made in Italy. "Noi oggi abbiamo un tasso di crescita dell’export nel 2013 superiore alla Germania: 4,9% contro 4,8, la Francia è sotto il 3%", ricorda il premier. Serve allora "un vero e proprio piano industrale per il Paese, che prevede di portare 22 mila nuove aziende italiane all’estero". "Io sono convinto che dall’energia, al made in, all’agrofood, alle infrastrutture, alla difesa, l’Italia sarà in grado di offrire ai Paesi africani un’opportunità di sviluppo".