Home News Perché Casini vuole far saltare il tavolo Rai

Perché Casini vuole far saltare il tavolo Rai

1
3

Dopo il quadro politico adesso l’Udc cerca di far saltare il tavolo in Rai. E precisamente quello del settimo piano di viale Mazzini. L’offensiva è partita ieri quando Marco Staderini, uomo di Casini nel CdA, ha sbattuto la porta abbandonando la riunione del consiglio. Un gesto forte per denunciare gli “accordi di spartizione all’interno del CdA in una logica di veltrusconismo”.

A far saltare i nervi ai centristi sono state le ultime nomine fatte ieri dal vertice Rai, dove l'Udc non ha toccato palla. Cariche che da tempo dovevano essere rinnovate e su cui per la verità i giochi erano stati fatti molto in anticipo. Che Alberto Contri per esempio dovesse lasciare il posto di amministratore delegato di Rai Net lo si sapeva da mesi (presidente è stato nominato Gianpaolo Rossi e amministratore delegato  Piero Gaffuri).

Tutto deciso da tempo anche per la scelta del sostituto di Deborah Bergamini al settore Marketing dove è andato Luigi Matteucci, vicino al Pdl. Un incarico ad interim, visto che quest’ultimo ha già due direzioni nell’Azienda. E proprio questa nomina ha fatto andare su tutte le furie Staderini e l’Udc.

Ancora oggi dalle colonne di “Liberal” il consigliere schiuma rabbia attaccando la scelta di Matteucci, il quale secondo lui “non ha l’esperienza specifica e necessaria per ricoprire quel ruolo”.

In realtà boatos d’Azienda spiegano che l’Udc aveva accarezzato il sogno di portare a casa questa nomina, così strategica ed importante. E c’erano stati persino degli ammiccamenti verso il direttore generale Claudio Cappon per cercare di convincerlo a nominare se non proprio un uomo di provata fede “uddiccina” almeno una persona amica.

Invece le cose sono andate diversamente ed è scattata la rappresaglia.

Dal CdA e dai singoli consiglieri prevale, almeno per ora, il silenzio accompagnato da un secco “ce lo aspettavamo”. Infatti la mossa di Staderini non ha sorpreso nessuno ed anzi come raccontano alcuni consiglieri “da giorni si registrava una certa tensione, quella che di solito anticipa le crisi”. Ed infatti crisi c’è stata che al settimo piano riconducono ad una strategia più ampia portata avanti dall’Udc e che vede il CdA solo uno dei fronti.

“Come Casini attacca Pd e Pdl accusandoli di fare inciuci – confida uno dei consiglieri – adesso Staderini inizierà a declinare la stessa strategia qui in Rai. Almeno fino alla permanenza dell’attuale CdA”.

Una tattica speculare che cerca quindi di far irrompere il tema del “veltrusconismo” anche nell’Azienda di viale Mazzini. Un modo pure per scongiurare che il bipolarismo possa mettere radici anche dalle parti della Rai, ponendo in pericolo le posizioni di potere che nel tempo l’Udc ha acquisito.

E il potere centrista in Rai è ancora molto diffuso ed ampio. Lo dimostra il fatto che Casini continua ad essere uno dei leader più presenti sugli schermi Rai, riuscendo in alcuni casi anche a battere la concorrenza di Berlusconi e Veltroni. Ad esempio fino a sabato scorso l’ex presidente della Camera sul Tg1 di Riotta vantava 22 presenze, tante quante quelle del Cavaliere. Ed ancora meglio al Tg3 dove con 20 presenze Casini fino a qualche giorno fa era riuscito ad imporsi su Berlusconi fermo a 18 apparizioni tv. Altro che “veltrusconismo” o grande inciucio. Il tutto grazie ad una rete di persone, incarichi ed amicizie che garantiscono al partito di Casini una posizione di privilegio.

Ad esempio, tra i vertici di viale Mazzini può contare su una pattuglia nutrita di uomini di riferimento come il vicedirettore generale Giancarlo Leone oltre allo stesso Staderini.

Senza dimenticare Lorenza Lei e Lorenzo Vecchione rispettivamente direttore delle Risorse Tv ed amministratore delegato di RaiSat. Guardando poi ai Tg c’è Angela Buttiglione, numero uno dei Tgr mentre al Tg2 i centristi possono contare su Tommaso Ricci, caporedattore, e Marcello Masi, vicedirettore.

Anche nel Tg3 Casini riesce a dire la sua grazie a Danilo Scarrone vicedirettore del telegiornale della terza rete.

Ma è al Tg1 che l’Udc può dirsi davvero “coperta”. Fuori Francesco Pionati, in quanto parlamentare, che però dopo queste elezioni dovrebbe rientrare, Riotta ha garantito all’ex presidente della Camera due punti di riferimento: Alberto Matano e Francesco Giorgino senza parlare di Marco Frittella vicino alla ex-Margherita ma ben disposto verso lo stesso Casini.

Ed infine c’è la Radio: anche qui l’Udc può vantare contatti importanti. Come quello di Flavio Cucciante che si occupa ormai da anni del settore personale del Giornale Radio. E poi c’è Fabio Comini, redattore del politico e Fabio Cioffi responsabile della musica di Radio 1.

Una mappa del potere vasta ma anche ben articolata. Il vero segreto del potere di Casini, un potere che non ha assolutamente voglia di perdere.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. sete di poltrone
    Casini sta cercando di arginare la valanga che a seguito delle scelte politiche dei leaders dei due maggiori schieramenti, inevitabilmente sta travolgendo lui e i suoi colleghi nanetti che vedono sempre più a rischio quell’ingiusta rendita di posizione che li ha visti fino ad oggi, anche se su fronti opposti, sempre uniti (nottetempo)nello sfruttare al meglio l’anomalia tutta italiana che ha consentito a chi, in assoluta e insignificante minoranza,di porre vincoli e condizionamenti all’azione di un governo che, in un paese normale,dovrebbe poter svolgere a tutto campo il proprio programma per il quale gli elettori lo hanno scelto. Con la virata strategica di Berlusconi e di Veltroni queste comparse,fino ad oggi lautamente pagate dalla collettività, dovranno finalmente cercarsi un lavoro al di fuori della politica e smettere di giocare sulla sorte e sull’interesse degli italiani che finora sono stati da questi astutamente imboniti. Dalla citata vicenda RAI è facile comprendere adesso quale sia sempre stata la vera ragione di tanta resistenza al moderno cambiamento voluto da Berlusconi. Ma sono certo che nonostante le agitate e dotte dichiarazioni del furbetto casini, lui e gli altri sette o più nanetti che lo hanno seguito non avranno pane per le loro sempre voraci mandibole che hanno masticato da una intera generazione producendo solo concime, anche questo di pessima qualità.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here