Home News Perchè un uomo spiato non è più un uomo libero

Privacy

Perchè un uomo spiato non è più un uomo libero

3
6

Immersa nel verde della Longhouse Reserve, negli Hamptons, ho letto un pamphlet di William Faulkner intitolato “Privacy”. 

La furia letteraria  del premio Nobel fu innescata da un servizio sulla sua vita privata apparso sulla rivista Life Magazine. L’articolo di Robert Coughlan accantonava come una scopa usata la sua vita letteraria per raccontare il suo mondo intimo, i suoi affetti, i suoi amori. La vita in piazza di Faulkner diventa il primo picco sismografico d’un fenomeno subnormale, una cloroformizzante consuetudine: pentole imbrattate, spazzolino da denti consumato e lenzuola sporche diventano oggetto d’esposizione. La cucina, il bagno e la camera da letto si spalancano e diventano materiale da rotativa.  Pornografia.

Faulkner cattura l’episodio personale e lo trasforma nella fine dell’individuo, della persona in sé, del “sogno americano”. Non voglio annoiare i miei due o trecento lettori con un’analisi del testo faulkneriano, ma la lettura del libello è utile per capire come il tramonto della privacy abbia sfigurato la libertà personale, prima pietra della democrazia.

Mi piacerebbe che i lettori dell’Occidentale riflettessero su queste parole di Faulkner: “Questo era il Sogno Americano: un asilo sacro, un santuario in terra per l'uomo in quanto individuo: una condizione nella quale egli potesse essere libero non soltanto dalle vecchie istituzioni gerarchiche del potere arbitrario, chiuse e corporative, che lo avevano oppresso in quanto massa, ma libero da quella massa nella quale le gerarchie della chiesa e dello stato lo avevano costretto e tenuto schiavo come individuo e, come individuo, impotente”. Correva l’anno 1955.

Oggi siamo liberi? E’ questa la domanda che mi sono posta dopo aver chiuso l’ultima pagina del libro. Ho sempre pensato che l’America fosse il custode della libertà, quella che il poeta Walt Whitman declamava in versi (“Io canto l'individuo, la singola persona”) e i padri fondatori scolpivano sulle tavole della legge nella Convenzione di Philadelphia. Evaporato il sogno, nel suolo dei cinquanta stati è rimasto però il segno di quelle parole, l’Idea è rimasta viva. L’ingranaggio inesorabile dello star system è penetrato anche nei club del business e della politica, allargando i patrimoni ma riducendo la cultura e il bon ton del discorso pubblico. Il dibattito della Nazione s’è banalizzato, ma restano ancora esempi da seguire, modelli da guardare, libri e giornali da leggere. Sono come le mitiche pepite del Klondike, bisogna setacciare  in mezzo al fango, alla melma, alla polvere di stelle.

 E’ l’Italia? Il Paese visto da lontano mi sembra una massa urlante, un singulto di Baudelaire: “Campane sbattono con furia e lanciano verso il cielo un urlo orrendo, simili a spiriti vaganti e senza patria, che si mettono a gemere ostinatamente”. Frastuono e intercettazioni.

 Il Belpaese fino a 15 anni fa sembrava conservare ancora il corpo sano e i tratti di una buona borghesia. Lavoratrice e peccatrice. Allora s’usava ancora il motto che “i panni sporchi si lavano in casa” e poi, improvvisamente, si è cominciato a immergerli sciaguratamente nel lavatoio pubblico, ma senza il sapone bianco di una volta e le procaci e silenti lavandaie del paese. Una repubblica (af)fondata su tensioattivi e telefonini non ha futuro.

Così al nobile commercio di notizie s’è sostituito lo smercio di verbali, un passo enorme e un’abissale differenza con quanto è accaduto negli Stati Uniti: non sono stati l’economia, il mercato, l’utile virtuale e il pettegolezzo prezzolato a rovesciare i pezzi della scacchiera. Il principale motore dello sconvolgimento della coscienza del Paese è stato quello sovralimentato della magistratura. Le toghe di grossa (e ora anche piccola) cilindrata hanno archiviato il dovere della riservatezza e il principio della libertà individuale, occupato lo spazio della politica e usato la tecnologia non come mezzo ma come fine.

Le intercettazioni telefoniche e ambientali di massa hanno inoculato nella collettività un virus letale. Negli Stati Uniti c’è una discussione pubblica sul ruolo della National Security Agency e la lotta al terrorismo, sulla riservatezza delle comunicazioni elettroniche, sullo spettro d’azione dell’agenzia, ma si tratta di qualcosa d’incomparabile rispetto a quello che accade in Italia. Non c’è un potere che straripa, c’è una dialettica intensa. Non c’è un’opinione pubblica che assorbe come una spugna le intercettazioni private, c’è una democrazia che discute sulla propria libertà, sui limiti del governo, la sicurezza dello Stato e l’inviolabile corrispondenza di uomini e donne.

Quello italiano non è un problema solo politico e istituzionale. Non è un grezzo affare di Palazzo. Non è un tema d’alto e basso bordo. C’è molto di più. Leggendo Faulkner, ho cercato di rovistare nella memoria ma non sono riuscita a ripescare alcun libro recente scritto da un autore italiano su un tema così aperto, lacerante, drammatico. Questo mi pare il segno più tangibile della crisi di un Paese, di una cultura un tempo geniale: l’assenza di uno scrittore che come Faulkner abbia la potenza e la visione per raccontare questa caduta e mostrarci -  profeticamente - come in quadro apocalittico di Hyronimus Bosch, le rovine fumanti della nostra civiltà. Palpitano le intercettazioni e muore d’infarto la parola.

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. Addirittura un tema
    Addirittura un tema lacerante e drammatico! Onestamente mi sembra un’esagerazione. Non credo che la maggioranza degli italiani veda minacciata la propria privacy dalle intercettazioni della magistratura, anche perché la stragrande maggioranza degli italiani non ha problemi con la magistratura e non ha nulla da nascondere. Soprattutto non ha nulla da dire che teme vada sui giornali. Sono i furbetti, i mariuoli, che hanno da temere.

  2. nospy
    E’ certamente una tema drammatico, perchè è una violazione della sfera della libertà individuale. Quello che trovo grave, in accordo con la signora Belloni Getz, è che non vi sia la percezione dell’entità del fatto.
    Non è questione di avere o non avere qualcosa da nascondere, ma il diritto di mantenere riservati i fatti propri, che io e solo io ho il diritto di pubblicare o di far sapere ad altri.
    Il fatto è che in maggioranza gli italiani sono attratti dal pettegolezzo, come dimostra il grande successo dei media gossipari, ma questo non giustifica la sua istituzionalizzazione.
    Il fatto è, anche, che il concetto della primarietà dell’individuo (della libertà individuale) sulla collettività è praticamente assente nell’italiano medio, generalmente più propenso a lagnarsi e piangere che a battersi per difendere la propria libertà.

  3. Si, lacerante!
    E’ proprio lacerante e drammatico sapere che degli individui, superpagati e con gli stipendi adeguati alla “casta”, trascorrano il loro prezioso tempo ad origliare le conversazioni private dei cittadini, mentre le cause pendenti non hanno mai termine.
    Se qualcuno si sofferma a discutere con chiunque ha diritto alla propria privacy, mentre chi lo fa al telefono deve essere messo alla berlina: perché?
    E come mai nella mia vita, di due cause, una si è conclusa (si fa per dire) dopo 20 anni con la morte della mia controparte e l’altra, tuttora in corso, contro un individuo che guidava senza copertura assicurativa, dura già da 9 anni e in varie udienze ha conosciuto già una ventina di giudici diversi?
    I magistrati dovrebbero perseguire chi compie reati invece di ascoltare pettegolezzi e tenere in galera gli individui socialmente pericolosi, che al contrario, grazie ad essi, la fanno da padroni.
    La cultura della delazione ha fondamento proprio nell’incapacità della magistratura di punire e tenere in prigione chi delinque, per cui in questa specie di “stato”, alla fine, corre sempre più rischi chi testimonia di chi delinque.
    La mortificazione delle testimonianze legali porta dritto al ricorso sistematico al pettegolezzo.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here