Piemonte. Bresso: “Sono amareggiata, qualcuno nel Pd è contro di me”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Piemonte. Bresso: “Sono amareggiata, qualcuno nel Pd è contro di me”

20 Ottobre 2010

"Sono un po’ stupita, perché continuo ad essere convinta che le due liste da noi contestate fossero irregolari. Sono amareggiata, certamente". Lo ha affermato l’ex presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso, in un’intervista a La Repubblica.

"Le possibilità di vittoria si allontanano parecchio. Mi hanno spiegato – ha aggiunto – che il ricorso verrà discusso nel merito a gennaio ma che già nelle motivazioni della sentenza del Consiglio di Stato ci sarebbero elementi a noi sfavorevoli. Siamo preoccupati".

Secondo l’ex governatrice la politica piemontese non è stata bloccata dal Pd, bensì dal nuovo governatore leghista Roberto Cota. "Il Pd si è comportato molto bene, ha sostenuto anche finanziariamente la battaglia legale. Se invece parliamo di singoli esponenti del Pd, allora il discorso cambia: nel partito c’è qualcuno che magari oggi è contento di come si sono messe le cose". "Lo so che vengo dipinta come una signora astiosa che non accetta la sconfitta – ha concluso – ma garantisco che non è così, perché non ho alcuna smania di tornare a tutti i costi a governare il Piemonte. Non accetto però che passino sotto silenzio quelle che considero evidenti irregolarità".