Polizza Romeo, interrogatorio fiume per Virginia Raggi. Su Facebook da “Resisti” a “Dimettiti”

Per una Primavera Demografica
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Polizza Romeo, interrogatorio fiume per Virginia Raggi. Su Facebook da “Resisti” a “Dimettiti”

02 Febbraio 2017

Interrogatorio fiume e lontano dalle telecamere per il sindaco di Roma, Virginia Raggi, che ha parlato con il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il pm Francesco Dall’Olio, titolari dell’inchiesta che la vede indagata per abuso d’ufficio e falso. L’indagine riguarda la nomina del fratello dell’ex capo del personale del Campidoglio Raffaele Marra, Renato, alla direzione del dipartimento Turismo, e proprio da lì sono partiti i magistrati. A complicare le cose per il sindaco del movimento 5 Stelle arriva la notizia, pubblicata da alcune testate, secondo la quale Salvatore Romeo, il fedelissimo di Virginia Raggi diventato capo della sua segreteria politica lo scorso agosto, nel gennaio del 2016 avrebbe indicato in ‘Virginia Raggi’ la nuova beneficiaria di alcune polizze vita da lui sottoscritte tempo prima, con un investimento di 30 mila euro.

L’operazione finanziaria sarebbe avvenuta qualche mese prima della vittoria elettorale di Virginia Raggi che, una volta divenuta prima cittadina avrebbe scelto Romeo per il prestigioso incarico, triplicandogli lo stipendio. Ma sul punto non sembrano esserci accuse formali alla sindaca. La vicenda, però, se confermata, potrebbe aprire un nuovo fronte giudiziario, difficile da affrontare per una sindaca già al centro di polemiche ogni giorno più aspre, dentro e fuori il Movimento 5 stelle. La notizia arriva come una doccia gelata sul un Movimento che ha provato in tutti i modi a continuare a sostenere la sindaca di Roma dalle inchieste che la stanno travolgendo. Ma la nuova “tegola” delle polizze di Romeo aggiunge imbarazzo ad imbarazzo.

Dallo stato maggiore del Movimento non arrivano commenti: si attende e si “reclama” una presa di posizione ufficiale sul blog che tuttavia non arriverà almeno sino a quando la Raggi non potrà chiarire, finito il lunghissimo interrogatorio. La pagina Fb della sindaca è bombardata da commenti, sia in difesa sia in attacco della Raggi: “Ormai siamo al capolinea”, “Resisti”, “Dimettiti”, “Non mollare!” la sintesi degli interventi. Intanto telegiornali e trasmissioni di approfondimento continuano a esaltare la notizia dell’interrogatorio, sempre più lungo neanche fossimo alle prese con pericolosi criminali, mentre ci si chiede chi dalla procura abbia fatto filtrare la notizia del nuovo filone di indagine, visto che almeno un paio di giornali l’hanno data contemporaneamente.