Home News Prodi: “Il peso fiscale in Italia non è equo”

Prodi: “Il peso fiscale in Italia non è equo”

0
41

I dati dell'aumento del gettito delle autoliquidazioni per il 2007 confermano che “c'è un minimo in più di serietà fiscale e un po' più di coscienza civica”, sebbene “siamo ancora ben lontani dal poter dire di vivere in un Paese in cui il peso è distribuito in modo equo”. È quanto ha dichiarato Romano Prodi, ai giornalisti.

Il premier, che si trova a Novellara, ospite della suocera, spiega infatti che “c'è un minimo in più di serietà fiscale. Siccome è un autotassazione del cittadino, siccome non sono cambiate le aliquote, c'è un po' più di coscienza civica”. Inoltre, aggiunge: “Non c'è nessun aggravamento d'imposta di nessun tipo e di nessun genere, ma una maggiore consapevolezza”.

“Certamente – prosegue - siamo ancora ben lontani dal poter dire di vivere in un Paese in cui il peso è distribuito in modo equo. Siamo ben lontani da questo, ma almeno abbiamo fatto qualche passo nella direzione giusta”

Intanto, qualche minuto prima il premier aveva commentato la situazione attuale dicendo: “È finita l'epoca dei condoni, l'epoca degli aggiustamenti a posteriori: credo, è chiaro, che l'obiettivo di un governo deve essere quello di far pagare meno tasse a tutti”.

Ma per raggiungere questo obiettivo, ha proseguito Prodi:  “Veramente deve continuare il lavoro contro l'evasione fiscale. Io credo - ha detto ancora, facendo riferimento alla necessità che tutti paghino le tasse, - che se le cose sono fatte in modo serio, negli italiani vi sia la consapevolezza che è un dovere etico, un dovere civico ed è un dovere di tutti secondo naturalmente della propria ricchezza e delle proprie capacità”.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here