Prostituzione, Centrodestra in Lombardia: via dalle strade, paghino tasse

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Prostituzione, Centrodestra in Lombardia: via dalle strade, paghino tasse

03 Dicembre 2013

La maggioranza di centrodestra del consiglio regionale della Lombardia propone di abolire la legge Merlin che nel 1958 aveva messo fuori legge le case chiuse. Sarebbe una abolizione parziale per cercare di eliminare la prostituzione dalle strade e spingere le sex workers a pagare le tasse, come del resto avviene già in altri Paesi europei. Secondo i consiglieri che hanno proposto il provvedimento, la leva sarebbe l’articolo 75 della Costituzione, con l’obiettivo di indire un referendum popolare. La proposta è stata sponsorizzata dalla Lega Nord, ha trovato spazio nel centrodestra, e lunedì prossimo sarà ufficialmente presentata al Pirellone. Tra i sostenitori, Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano che aveva già chiesto in passato di trasformare in reato la prostituzione in strada, presentando una legge simile una volta eletto parlamentare.