Quagliariello: Marini, critiche a neocon sbagliate

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Quagliariello: Marini, critiche a neocon sbagliate

26 Marzo 2007

“Il Presidente del Senato, Franco Marini, ha ragione quando afferma che lo scontro di civiltà è una follia. Prende invece un abbaglio clamoroso quando indirizza la sua critica ai neoconservatori in Italia e altrove, come se la colpa di un malanno fosse del medico che fa la diagnosi. Marini dovrebbe avere un po’ di coraggio e rivolgere le sue preoccupazioni a chi lo scontro di civiltà lo pratica con il terrore e con il sangue”. Queste i commenti del senatore di Forza Italia Gaetano Quagliariello, in seguito alle dichiarazioni del Presidente del Senato Franco Marini sullo scontro di civiltà.
“Dovrebbe rivolgersi ad al Qaeda,  – prosegue il senatore di Forza Italia – quando dice di voler vedere la bandiera dell’Islam sventolare sulla Casa Bianca; o ad Ahmadinejad che vuole cancellare Israele dalle carte geografiche; o ancora ad Hezbollah e all’odio per l’occidente di cui ha fatto la sua bandiera o magari ad Hamas, che nella sua emittente televisiva strumentalizza due bambini per celebrare la mamma kamikaze che ha ucciso 5 ebrei. E’ a questi soggetti  – si chiede infine Quagliariello – che il Presidente Marini indirizza il suo invito al dialogo? La verità è che esiste la follia di chi pratica lo scontro di civiltà ma anche la cecità di chi accusa quelli che studiano e cercano ricette per fermarlo proponendo in alternativa nient’altro che un vuoto dialoghismo“.