Quagliariello, opporsi alle riforme vuol dire coltivare sentimento anti nazionale

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Quagliariello, opporsi alle riforme vuol dire coltivare sentimento anti nazionale

Quagliariello, opporsi alle riforme vuol dire coltivare sentimento anti nazionale

01 Dicembre 2013

"Negli anni Ottanta un partito si accorse per primo che l’Italia, per rimanere grande, aveva bisogno di riforme", lo ha detto il ministro per le Riforme, Gaetano Quagliariello, dal palco del congresso del Psi. "Quel partito era il Psi, il suo leader era Bettino Craxi. Quello che serviva negli anni Ottanta oggi non può essere evitato. Opporsi significa coltivare un sentimento anti nazionale". Quagliariello è anche tornato sul tema della elezione diretta del capo del Governo, spiegando che "se il Pd elegge direttamente il proprio segretario, perché gli italiani non possono eleggere direttamente il capo dell’esecutivo o tramite il Presidente del Consiglio o tramite il Presidente della Repubblica?". "In Italia corriamo il rischio di avere partiti liquidi e istituzioni che non funzionano". Infine, la riforma della giustizia: "Serve una riforma della giustizia penale e della giustizia civile. Vanno separate le carriere dei magistrati, ma prima ancora vanno separate le carriere dei magistrati e dei giornalisti".