Home News Quagliariello su Monti: “Poco lineare passare dal PPE a Bersani-Vendola”

Le reazioni al discorso di domenica

Quagliariello su Monti: “Poco lineare passare dal PPE a Bersani-Vendola”

6
78

"Se la politica europea si sviluppa attraverso la contrapposizione tra le due famiglie del popolarismo e della socialdemocrazia, fra loro chiaramente alternative, il popolarismo in Italia non può certamente essere rappresentato da una opzione che si configura come ancillare a un governo della sinistra". Lo dichiara Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo vicario del PdL al Senato.

"In questo quadro - prosegue -, ad aver cambiato rotta non è chi è sempre rimasto ancorato al centrodestra, e aveva auspicato che l'area moderata potesse allargarsi, unirsi e prevalere, come prospettato al professor Monti in ripetute pubbliche occasioni dal PdL e dal presidente Berlusconi, da ultimo nella sua lettera alla manifestazione svoltasi al Teatro Olimpico".

"Ad aver smarrito la linearità è chi nel giro di pochi giorni è passato dall'incontro del Ppe a Bruxelles a un accordo di sinistra-centro nel quale la componente moderata sarebbe del tutto subalterna, destinata al massimo a esercitare qualche correttivo e un po' di cosmesi rispetto al programma di Bersani e Vendola che col popolarismo europeo non ha nulla a che vedere né sul piano dei principi né sul piano dell'economia".

"Cambiare opinione - conclude Quagliariello - è sempre possibile; farlo utilizzando i toni che abbiamo ascoltato ieri nei confronti di chi ha la sola colpa di essere rimasto fedele alla propria storia e alle proprie idee è cosa ben diversa che non poteva restare senza risposte e senza conseguenze".

  •  
  •  

6 COMMENTS

  1. Lungi da me l’intenzione di difendere qualcuno…
    …in questo momento in cui in tanti hanno difficoltà a seguire una coerenza di pensiero. A me comunque sembra che il Presidente Monti abbia affermato che Vendola sia antitetico alla sua agenda…..

  2. Quagliarello lo statista
    Mi pare evidente che Quagliarello ancora non l’abbia letta, l’agenda Monti. E’ naturalmente un suo diritto, ma se è così non ha titolo per criticarla. Sostenere che Monti è subalterno a Vendola è l’ennesima stupidaggine che copre di ridicolo quello che rimane del PDL, la solita strumentalizzazione propagandata dal Capo che ormai è alla disperata ricerca della Barbara d’Urso di turno a cui declamare i propri vaniloqui.
    Quagliarello vada a chiedere ai vertici del PPE se è più credibile Monti o Berlusconi. Il fatto che Monti sarà costretto a fare una coalizione con il centrosinistra dopo le elezioni è colpa della drammatica esperienza di non governo del centrodestra, che ha permesso ai progressisti di aumentare consensi e impedito ai moderati di avere un riferimento italiano del PPe diverso da Monti.

  3. Ma davvero? Non si smette
    Ma davvero? Non si smette mai d scoprire l’acqua calda. Chi fosse Monti lo si sapeva fin da principio. Sarebbe bastato guardare a chi lo applaudiva. Come può essere una persona affidabile chi piace a Napolitano, Merkel, Hollande, Draghi e euroburocrati cantanti? Al FT, all’Economist, al NYT, al Corsera, a Rep. etc.? Come può essere una risorsa chi sceglie di rapinare gl’italiani per risanare (si fa per dire) i conti dello Stato e non invece di ridurre drasticamente quest’ultimo (è questo l’unico rigore serio, e che perciò non sarà mai praticato)? E poi basta con ‘sta storia dei moderati! Fa troppo rima con smidollati!

  4. Ma legge un po’ di stampa economica internazionale?
    Con tutto il rispetto, ma il Sen. Quagliariello legge, magari tradotto in italiano, qualcuno delle centinaia di articoli della stampa economica specialmente di USA e GB, nella quale si afferma che la terapia economica predicata dall’UE e’ un suicidio recessivo continentale? Cosa vuol salvare dell’uomo, Monti, che ne e’ il diretto esecutore in Italia, agli ordini di Bruxelles e della Merkel, on effetti devastanti per la nostra economia?
    In tale contesto, che senso hanno i pseudo dibattiti neobizantini su chi e’ “lineare” e chi e’ non lo e’?

  5. se Monti fosse stato un vero
    se Monti fosse stato un vero leader, avrebbe unito tutti i moderati, o almeno ci avrebbe provato.
    Ma siccome è una collinetta…

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here