Home News Quanto è servito a Snowden il passaggio sicuro di Putin

Arcana Imperii

Quanto è servito a Snowden il passaggio sicuro di Putin

0
3

L'ex spione contractor della Cia, Edward Snowden, è pronto a ricevere asilo politico dall'Ecuador, lo dicono fonti di Quito, dopo che il giovane informatico ha lasciato Hong Kong atterrando ieri a Mosca. Un "passaggio sicuro", quello offerto dal premier Vladimir Putin a Snowden, anche se, ad attenderlo all'aeroporto di Mosca, c'erano uomini della Ambasciata del Venezuela. Gli Usa gli hanno ritirato il passaporto, ma probabilmente non servirà a nulla.

Il fronte antioccidentale, Cina, Russia, Paesi di Latino America, sembra quindi essersi dato un estremo da fare per garantire un salvacondotto a Snowden, con la regia di mister ossigenato Julian Assange. Snowden è atterrato a Mosca inseguito da una richiesta di estradizione americana, di cui il Cremlino si è evidentemente fatto un baffo. Per Assange, che a quanto pare si trova molto a suo agio con gli inquilini della Russia attuale, Snowden ora raggiungerà "Paesi dove c'è una vera democrazia".

In serata, il ministro degli esteri ecuadoregno, Ricardo Patino, in visita in Vietnam con un tweet ha sancito l'asilo politico allo spione americano. Snowden è accusato di spionaggio per aver diffuso informazioni top secret sul programma antiterrorismo Prism. Le autorità cinesi avevano diffuso la notizia del viaggio a Mosca spiegando che era stata una decisione presa di sua volontà. Un mare di giornalisti e reporter attendeva il giovane informatico all'aeroporto di Mosca.

Snowden era accompagnato da un'altra persona, una donna che, secondo il New York Times, sarebbe uno dei consigliori di Julian Assange. L'informatico è accusato di essersi impossessato di informazioni del Governo, di essere entrato nel sistema della difesa senza autorizzazione, e di aver diffuso appunto le informazioni topo secret, passandole al Guardian e ad altri grandi giornali.

Snowden si è difeso dicendo di non essere una spia della Cina. Il Governo americano continua a ritenerlo un pericolo per sicurezza nazionale. Ma per il vasto fronte che gli ha fatto un favore e che unisce i campioni della libertà di parola, Assange piuttosto che Putin, Snowden è un eroe da usare come arma contro le democrazie occidentali.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here