Quella marcia radicale per amnistia, giustizia e libertà

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Quella marcia radicale per amnistia, giustizia e libertà

26 Dicembre 2013

Radicali in corteo a Roma per chiedere "amnistia e giustizia" e tenere al centro della agenda politica la questione delle condizioni di vita nelle carceri. La marcia, alla sua terza edizione, ha raggiunto il carcere di Regina Coeli e luoghi simbolo del potere italiano come ministero della giustizia, Camera e Senato, Palazzo Chigi. Insieme al ministro Bonino e a Marco Pannella, tra gli altri, il sindaco della capitale Ignazio Marino. Secondo le fonti sarebbero state almeno un migliaio le persone che hanno partecipato alla iniziativa dei radicali. In una lettera ai radicali italiani, il presidente della Camera Laura Boldrini ha confermato l’impegno suo e dell’aula che presiede sulla questione carceri "che fin dal giorno del mio insediamento ho voluto indicare come assolutamente prioritaria per rimuovere le condizioni disumane e degradanti in cui sono costretti a vivere migliaia di detenuti".