Quella sentenza che mette in discussione lo stato di emergenza

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Quella sentenza che mette in discussione lo stato di emergenza

Quella sentenza che mette in discussione lo stato di emergenza

05 Agosto 2020

Da più parti, nelle ultime settimane, si è levata la discussione attorno alla necessità di prorogare o meno lo stato di emergenza legato alla diffusione del Coronavirus. Alle numerose iniziative messe in atto per contestare il provvedimento adottato qualche giorno fa dal Governo, è andato ad aggiungersi un particolare episodio accaduto a Frosinone dove il giudice di pace Emilio Manganiello ha annullato due multe da oltre 400 euro comminate a un uomo e a sua figlia durante il periodo di lockdown. Tuttavia, ciò che veramente ha fatto salire all’onore delle cronache questa sentenza sono state le motivazioni che l’hanno accompagnata: infatti, il giudice Manganiello ha specificato che lo stato di emergenza sarebbe illegittimo, in quanto può essere proclamato solamente dalla Protezione Civile e non dal Governo. Così recita il testo del dispositivo: “Lo stato di emergenza può essere dichiarato al verificarsi o nell’imminenza di calamità naturali o eventi connessi all’attività dell’uomo in Italia”.

Il giudice, intervistato da varie emittenti televisive, ha tenuto a ribadire che la posizione sostenuta nella sentenza non ha nulla a che vedere con le sue idee in merito alla proclamazione e al successivo prolungamento dello stato di emergenza, ma che si è espresso soltanto rifacendosi alle norme che regolano questo tipo di questioni. Per la prima volta, dunque, anche una sentenza mette in discussione l’impianto dello stato di emergenza e si va ad aggiungere ai dubbi già ampiamente resi pubblici da vari costituzionalisti di fama (tra cui Sabino Cassese, Michele Ainis e Giovanni Guzzetta) sull’uso spropositato da parte di Conte dei DPCM, che troppo spesso – a loro modo di vedere – non hanno permesso al Parlamento di potersi pronunciare in merito a questioni come la limitazione del movimento e della libertà dei cittadini, introdotte proprio dai Decreti del Presidente del Consiglio senza voto e discussione né alla Camera né al Senato.