RAI, il Consiglio di Stato da’ ragione a Petroni

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

RAI, il Consiglio di Stato da’ ragione a Petroni

04 Dicembre 2007

Il consiglio di Stato ha respinto la richiesta di sospensiva, presentata dal ministero dell’ Economia, della sentenza del Tar del Lazio che il 16 novembre ha ritenuto illegittima la revoca del consigliere del Cda Rai Angelo Maria Petroni.

A questo punto non è chiaro che cosa accadrà. Se Petroni verrà reintegrato al posto di Fabiano Fabiani o se invece ci sarà un totale azzeramento del consiglio di amministrazione.

Senza la sospensiva del Consiglio di stato, che non ha accolto la richiesta avanzata in questo senso dal Ministero del Tesoro, azionista Rai, rimane valida la decisione del Tar del Lazio che annullava la sostituzione di Angelo Maria Petroni nel Cda Rai con Fabiano Fabiani.

A questo punto però, secondo alcune fonti legali dell’azienda, sarebbe necessario per re-insediamento di Petroni nel consiglio di adire alle vie amministrative, così come raccomanda il Tar.

Petroni non potrebbe tornare subito a quello che era il suo posto in azienda ma sarebbe necessario che l’azionista Ministero del Tesoro riconvochi l’assemblea dei soci per una nuova nomina in Cda al suo posto di nono consigliere.

Diversa fin dall’inizio la lettura degli avvocati di Petroni che sono per l’insediamento immediato.