Home News Regionali, Zingaretti è vincitore. Nel Pd Bonaccini ridimensiona i sogni di gloria

L'analisi

Regionali, Zingaretti è vincitore. Nel Pd Bonaccini ridimensiona i sogni di gloria

3
116

‘La destra si può battere’ affermava con enfasi Bonaccini rivendicando quella che fino a ieri era l’esperienza emiliano-romagnola. ‘Io ho battuto Salvini’ ripeteva orgoglioso il governatore emiliano preparandosi a sostituire Zingaretti alla guida del Pd nazionale in caso di sconfitta in Toscana o in Puglia. E invece della eccezionalità emiliana, della unicità della sconfitta di Lucia Borgonzoni, dopo il voto di ieri e di oggi non resta nulla. Cioè la vittoria resta, ma oggi appare una vittoria normale, addirittura inferiore rispetto a quelle ottenute in Puglia e in Toscana.

Queste Regionali hanno infatti dimostrato che, nelle regioni storicamente rosse, per battere la destra non serve un cavaliere bianco in ray-ban e barba scolpita, come Bonaccini sognava di essere, ma basta un renziano come Giani o un Emiliano dato da tutti come in declino.
Basta un candidato normale e i cittadini che hanno sempre votato a sinistra rispondono presenti al richiamo della foresta e al solito ululato anti fascista. Il territorio, caratterizzato da rapporti di forza ben definiti a da tempo intrecciati, segue la corrente e non si lascia suggestionare dalle sirene di un cambiamento che appare ancora come un salto nel buio. La destra, insomma, si batte senza tanti clamori e senza racconti epici. Non servono eroi. La destra si batte perchè nella rossa Emilia e in Toscana non c’è storia.

Ma la paura (vera o costruita a tavolino non importa) stavolta c’è stata e Zingaretti, proprio in virtù di questa narrazione, esce vincitore. Vincitore sulla Lega e su Fratelli d’Italia certo, ma vincitore anche su coloro che all’interno del Pd ne attendevano con malcelata speranza uno scivolone.
In questo senso Stefano Bonaccini che negli ultimi giorni di campagna elettorale le ha provate tutte per differenziarsi da Zingaretti, dall’attaccare i 5 Stelle sul reddito di cittadinanza all’aprire a Renzi e Bersani, esce sconfitto.
Il Pd dopo il voto di oggi non avrà alcun new deal bonacciniano e resterà saldamente nelle mani del mite e sudato fratello di Montalbano. Un non-leader che si ostina a usare il ‘Noi’ al posto dell”Io’ e a mantenere il look anonimo di un impiegato di banca. Perchè in fondo il popolo Pd, tra democristiani d’annata ed ex comunisti da pugno sinistro alzato, preferisce il profilo basso, il segretario della porta accanto, alla costruzione in laboratorio (o sarebbe meglio dire in camerino) di un uomo sedicente forte.

E allora gli avversari del mite Zingaretti ripongano le armi e restino in panchina (panchina, peraltro, nel caso di Bonaccini tutt’altro che irrilevante), oppure se hanno irrefrenabili ambizioni di carriera, possono sempre tentare di scalare Forza Italia… Da quelle parti è partita da tempo la caccia a un erede per il vecchio Re ancora in sella e il profilo dell’uomo che non deve chiedere mai, a destra piace sempre.

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. Niente da eccepire. in Toscana, forse, un candidato più “nuovo e credibile” della onnipresente Ceccardi avrebbe potuto farcela. Quanto a Zingaretti, non ha un cognome “politicamente scorretto!”? Ormai quelli da cui il suo cognome – e, forse, la sua prosapia – deriva non si chiamano più “Zingari”, ma “Rom” o “Sinti”. E invece lui, e suo fratello, rimangono “Zingaretti”, con un diminutivo, che, dalle mie parti, suona un po’, come dire, “discreditativo”…

    • Chiarisco il significato del “diminutivo”. Uno “zingaro” può essere anche una persona rispettabile, come, p.es., era stato un onesto e apprezzato mercante di cavalli, prima di subire il martirio ad opera dei comunisti spagnoli, il “santo de los gitanos”, il beato Ceferino Giménez Malla. Uno “zingaretto”, invece, è uno “zingaro”, come dire, di qualità e personalità “scadente”….

  2. Almeno Bonacini è più realistico e con i piedi per terra rispetto al cantastorie Zingaretti che “mente sapendo di mentire”.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here