Home News Renzi: “Dato negativo Pil non ci ferma, Italia può farcela ma deve cambiare”

Tutte le News

Renzi: “Dato negativo Pil non ci ferma, Italia può farcela ma deve cambiare”

0
20

"Avanti con ancora maggiore decisione", scrive Renzi in una lettera ai parlamentari della maggioranza,  "Senza incertezze, senza paure, senza frenate. Il processo di riforme è partito. Procede. È iniziato un percorso senza ritorno". L'uscita di Renzi nel giorno in cui Istat decreta che il Pil è ulteriormente in flessione nel secondo trimestre dell'anno e che le prospettive di ritorno alla crescita nel 2014 si contraggono sensibilmente, spinge Renzi al contrattacco: "In queste ore i dati negativi sulla crescita non devono portarci alla solita difesa d'ufficio", dice il premier, niente scuse o ragioni da accampare, insomma. "Dobbiamo avere il coraggio e la voglia di guardare la realtà: l'Italia ha tutto per farcela e per uscire dalla crisi. Ma deve cambiare". Finiti i mille giorni, per Renzi "l'Italia tornerà ad essere la guida, e non il problema dell'Eurozona". L'inversione di rotta nell'idea del premier si fa in 10 obiettivi politici e amministrativi: la riforma costituzionale, "passaggio storico", secondo Renzi. La riforma elettorale, la politica estera ("più Italia nel Mediterraneo"), con la sfida educativa e la spending review. E ancora con la rifroma della pubblica amministrazione la riforma del lavoro. "L'abbassamento delle tasse per i ceti medio bassi per 10 miliardi di euro annui e la riduzione del 10% dell'Irap sono un passaggio storico per l'Italia, ma non ancora sufficiente", dice Renzi parlando di tasse. Sul tavolo del consiglio dei ministri del 29 agosto i provvedimenti per rilanciare l'economia sulla base dello schema descritto.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here