Renzi sceglie vice Amazon mentre Ue mette Big Web sotto lente d’ingrandimento

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Renzi sceglie vice Amazon mentre Ue mette Big Web sotto lente d’ingrandimento

11 Febbraio 2016

Diego Piacentini, vicepresidente di Amazon, sarà il nuovo commissario di governo per il digitale e l’innovazione. La notizia arriva da uno scambio di tweet tra il numero uno di Amazon, Jeff Bezos, e il presidente del Consiglio Matteo Renzi. "È un modo per restituire qualcosa al Paese nel quale sono nato e ho vissuto per quarant’anni", il commento a caldo di Piacentini.

 

"Signor primo ministro, siamo così orgogliosi di Diego. Meraviglioso per l’Italia", scrive Bezos. "Grazie, sarà un piacere lavorare con lui. Venga in Italia così possiamo parlare di innovazione" la risposta di Renzi. Renzi ha dato poi "il benvenuto a Diego Piacentini" che "lavorerà come sevizio civile a titolo gratuito". Va ricordato che l’Unione europea sta lavorando a una iniziativa legislativa per obbligare i colossi americani come Google, Facebook e Amazon ad essere più trasparenti sui loro profitti e sulla tassazione nei vari Paesi europei.

 

Secondo il Guardian, la Commissione europea presenterà una bozza del provvedimento all’inizio di aprile. Il presidente Jean-Claude Juncker ha dato il suo pieno sostegno all’iniziativa che arriva dopo le recenti polemiche sull’accordo fiscale raggiunto da Google nel Regno Unito, giudicato da molti come troppo generoso per il colosso americano.

 

La nomina arriva a pochi giorni dalla chiusura della libreria Fanucci di Piazza Madama, a Roma. L’editore e scrittore Sergio Fanucci nei giorni scorsi ha indirizzato una lettera bipartisan ai senatori della Repubblica: "Non siete riusciti in questi anni a fare una legge che preveda sgravi fiscali ai librai e ai loro dipendenti, a chi affitta le mura a una libreria, a chi investe il proprio tempo, denaro ed energie nella vendita di libri," ha scritto Fanucci.

 

"Anzi avete partorito una legge, la legge Levi, che doveva fermare la crescita di Amazon e difendere le librerie e invece avete ottenuto esattamente l’effetto contrario. Cari senatori, voi dormite in piedi" la conclusione di Fanucci.